Roma Fotografie di Elliot Erwitt

Dal 12 novembre presso il Museo di Palazzo Braschi
Maria Giovanna Tarullo - 12 Novembre 2009

Dopo l’omaggio alla capitale vista dall’occhio di Henri-Cartier Bresson, lo scorso 2006 al Museo di Palazzo Braschi, e la storia raccontata attraverso la pellicola di Henri List; questa volta ad immortalare ben 50 anni di vita quotidiana e non solo di Roma ci pensa Elliot Erwitt. Sarà proprio Erwitt ad aprire le porte, nel pomeriggio di giovedì 12 novembre 2009, presso il Museo Palazzo Braschi alla mostra "Roma Fotografie di Elliot Erwitt".

La mostra promossa all’interno del progetto realizzato dal Comune di Roma, in collaborazione con l’agenzia fotografica Contrasto e con il supporto per i servizi musueali di Zètema Progetto Cultura, propone una carrellata di scatti realizzati da Erwitt nel corso dei suoi innumeroveli viaggi nella capitale.

Il fotografo conosciuto ai cultori della fotografia, grazie alla sua presenza all’interno dell’agenzia fotografica di Robert Capa "Magnum", attraverso la sua personale visione di Roma ne ha percorso la trasformazione, riuscendo a far carpire all’osservatore le differenze sia nella storia della città, sia di chi la vive. Scoprendo anche come il cambimento non abbia intaccato quel legame imprescindibile con la storia della città. Inserendo nella mostra le immagini di ben quattro pontefici scattate a partire dagli anni sessanta sino ad oggi, come Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Sarà proprio mediante le fotografie di Erwitt capire se il cambiamento sia avvenuto in meglio o in peggio, lo stesso fotografo ha dichiarato: "Questa mostra è il frutto di una serie di foto casuali di Roma: so bene che i lavori su Roma non scarseggiano di certo, ma questo è più personale. Ci sono i monumenti e il Colosseo ovviamente, ma soprattutto c’è la gente, c’è la vita della città."

La mostra potrà essere visitata presso Palazzo Braschi (Piazza San Pantaleo,10) fino al 31 gennaio 2010.  


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti