Roma-Lazio 3-2: la vittoria più amara

I giallorossi nel giorno in cui ritrovano la curva sud, perdono il secondo obiettivo stagionale
Marco Maestà - 5 Aprile 2017

La Roma si aggiudica il suo derby più triste, perché la qualificazione alla finale di Coppa Italia se la aggiudica la Lazio, in virtù del risultato dell’andata. La Roma infatti segna tre gol, ma ne incassa due e, nel computo finale, la differenza reti premia gli avversari.

La Roma parte all’attacco e dopo due minuti Dzeko, ha la palla del vantaggio, ma la spreca malamente da due passi. Immobile è pericoloso nelle ripartenze ed i giallorossi faticano a neutralizzarlo ogni volta che entra in possesso palla. La partita rispecchia le previsioni della vigilia, è la Roma a fare la partita, mentre la Lazio si difende e riparte.

Proprio quando sembra vicino il vantaggio romanista, la Lazio passa: Alisson respinge un tiro di Immobile, sulla respinta irrompe Milinkovic-Savic, che batte facilmente a rete.

La reazione dei capitolini è immediata e, prima dell’intervallo, El Shaarawy ristabilisce la parità.

Nella ripresa i toni agonistici aumentano d’intensità, ma il gol in contropiede di Immobile al 56’ spegne qualsiasi velleità per i giallorossi.

La Lazio ora ha la qualificazione in mano e l’orgoglio romanista, che genera l’impegno della squadra nel segnare al 66’ ed al 90’ con Salah i gol del pareggio e del sorpasso, serve solo per le statistiche.

La Lazio infatti perde la “battaglia” ma vince la “guerra” ed aspetterà la vincente tra Napoli e Juventus per sapere chi sarà la sfidante nella finale di maggio.

I giallorossi nel giorno in cui ritrovano la curva sud, perdono il secondo obiettivo stagionale e forse salutano definitivamente ogni velleità di vittoria nell’anno corrente.

ROMA: Alisson; Rüdiger, Manolas, Juan Jesus (46′ Bruno Peres), Emerson; Paredes (81′ Totti), Strootman; Salah, Nainggolan, El Shaarawy (70′ Perotti); Dzeko.
A disp.: Szcczesny, Lobont, Fazio, Vermaelen, Mario Rui, De Rossi, Gerson, Grenier.
All. Spalletti.

LAZIO: Strakosha; Bastos, de Vrij (46′ Hoedt), Wallace; Basta, Milinkovic-Savic, Biglia (71′ Murgia), Lulic, Lukaku; Felipe Anderson (58′ Keita); Immobile.
A disp.: Vargic, Adamonis, Radu, Patric, Crecco, Lombardi, Luis Alberto, Djordjevic, Rossi, Tounkara.
All. Inzaghi.
Reti: 37′ Milinkovic-Savic, 43′ El Shaarawy, 56′ Immobile, 66′ e 90′ Salah.
Arbitro: Rizzoli di Bologna. Assistenti: Di Liberatore e Tonolini. IV uomo: Celi.
Note: spettatori 43.721. Ammoniti Nainggolan (R), Dzeko (R), Felipe Anderson (L), Paredes (R), Lukaku (L), Perotti (R). Recupero 2′ pt, 4′ st.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti