Santa Croce effetto notte

Al via la seconda edizione che vedrà protagonisti cinema, cori polifonici, orchestre e mezzi storici presso la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme
di Serenella Napolitano - 6 Luglio 2012

La Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, una delle sette chiese più importanti di Roma, ospiterà al 6 al 15 luglio, la seconda edizione dell’evento “Santa Croce effetto notte”: dieci serate di cinema, teatro, musica e musei a ingresso gratuito.
La manifestazione realizzata dalla direzione generale per il Cinema del ministero Beni e Attività culturali e dall’Esercito Italiano apre al pubblico dalle 19.00 alle 24.00 gli straordinari spazi dell’area archeologica adiacente la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, con un programma ricco e articolato.
L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Cinecittà Luce e Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, con la partecipazione della Soprintendenza
Speciale per i Beni Archeologici di Roma, la direzione generale Spettacolo dal vivo – MiBAC, il Museo Strumenti Musicali e la Parrocchia della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme.

Schermi italiani è il titolo della rassegna nell’arena allestita all’aperto, che quotidianamente ospiterà le proiezioni di recenti film italiani, tra i più apprezzati dalla critica e dal pubblico, molti dei quali realizzati con il contributo della direzione generale per il Cinema. Romanzo di una strage, Scialla!, Terraferma, Magnifica presenza, Diaz, Il primo uomo, Cesare deve morire, Io sono Li, Nessuno mi può giudicare, Pranzo di Ferragosto, Basilicata coast to coast e Passione sono i titoli selezionati per la rassegna, aperta venerdì 6 luglio da Posti in piedi in Paradiso di Carlo Verdone e dalla proiezione speciale di Il sorpasso di Dino Risi, nella versione restaurata dalla Cineteca Nazionale in omaggio ai cinquant’anni della pellicola. Prima della rassegna, a partire dalle 19.00, nell’area del Museo della Fanteria saranno proiettati filmati prodotti dalla sezione Produzione Cine Foto – TV dello Stato Maggiore dell’Esercito sulle missioni di pace dei
nostri militari nei teatri operativi esteri: Libano, Kurdistan, Albania, Somalia, Mozambico e Kosovo.

Oltre alla musica e al cinema interessanti saranno alcuni mezzi storici che delizieranno gli occhi dei visitatori: molti pezzi storici provengono dal Museo della Motorizzazione Militare, insieme a cimeli del Museo dei Bersaglieri e dall’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio. All’interno della stessa area, ma nella sorprendente cornice offerta dall’abside del Tempio Romano di Venere e Cupidine, a partire dalle 20.30 il 6 e l’11 luglio si esibiranno la Banda dei Granatieri di Sardegna; il 7 luglio sarà la Banda Militare dell’Esercito Italiano a deliziare la serata mentre l’8 luglio si esibirà la Banda del Comando Logistico di Proiezione.

Oltre alle prestigiose formazioni musicali si aggiungono quelli del coro polifonico “Salvo D’Acquisto” che si esibirà il 9 luglio con il recital ‘L’inno svelato’, narrazione sull’inno
nazionale di e con Michele D’Andrea insieme alla Banda dell’Esercito e il concerto recital Canti sulla condizione femminile di Graziella Antonucci accompagnata dalla chitarra di Marco Quintiliani.

Per l’intera durata della manifestazione, il Museo della Fanteria e quello dei Granatieri
saranno aperti al pubblico dalle 19.00, così come l’intero comprensorio archeologico, per il quale è prevista la possibilità di visite guidate ogni giorno alle 19.30, approfittando anche delle torri di illuminazione messe a disposizione dal sesto Reggimento genio pionieri per scoprire sotto una luce inedita le vestigia della Domus Sessoriana. Il coordinamento della partecipazione dell’Esercito Italiano è stato affidato al Comando Militare della Capitale, organo di vertice dell’area territoriale della Forza Armata.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti