Scambio di opere d’arte tra Roma e Reggio Calabria

Il 31 ottobre il primo evento del gemellaggio culturale sottoscritto dai sindaci Alemanno e Scopelliti
di Patrizia Miracco - 2 Novembre 2009

1- Cristo e l’adultera di Luca Giordano. 2- Diogene e Platone di Mattia Preti. 3- Caduta di Simon Mago di Vincenzo Cannizzaro. 4- Erma di Pitagora.

E’ partito sabato 31 ottobre 2009 “Roma e Reggio Calabria, insieme per l’arte” uno scambio culturale con opere d’arte esposte fino al 7 febbraio 2010 nei musei di Roma e di Reggio Calabria. L’iniziativa, presentata nella mattinata di sabato nella sala della Protomoteca capitolina, è stata siglata dai sindaci di Roma e Reggio Calabria, Gianni Alemanno e Giuseppe Scopelliti.

Il sindaco Alemanno ha considerato un naturale gemellaggio quello tra Roma e Reggio Calabria per le radici di carattere culturale ed artistico tra le due città e inoltre ha ricordato la presenza tra gli abitanti di Roma di cinquecentomila calabresi. In riferimento all’iniziativa il Sindaco si Roma ha inoltre detto: “Abbiamo la possibilità di avere opere che vengono dalla pinacoteca di Reggio Calabria qui a Roma e mandare opere di Roma a Reggio Calabria. Un modo per trasmettere cultura e valori”.

I Musei Capitolini per questo evento ospitano, nella prestigiosa Sala degli Arazzi in Palazzo dei Conservatori, tre dipinti provenienti dalla Pinacoteca Civica di Reggio Calabria: il Cristo e l’adultera di Luca Giordano (Napoli 1634 – Napoli 1705) e due tele di Vincenzo Cannizzaro, artista calabrese della metà del ’700, il Martirio di San Lorenzo e la Caduta di Simon Mago.

Alla Pinacoteca di Reggio Calabria sono invece concessi in prestito dalle collezioni Capitoline un dipinto, Diogene e Platone, opera di Mattia Preti, il più importante pittore nato in Calabria, insieme a due antichi busti, Omero e Pitagora, provenienti dalla Sala dei Filosofi in Palazzo Nuovo, un omaggio alle origini greche della città di Reggio Calabria, antica Rhegion dal 351 a. C., una delle più fiorenti città della Magna Grecia.

E’ possibile visitare la mostra a Roma dal martedì alla domenica, dalle 9.00 alle 20.00. Il costo del biglietto rientra nelle tariffe applicate dai Musei Capitolini. Per informazioni telefonare al numero del Comune di Roma 060608.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti