Scontri alla manifestazione dei movimenti per la casa e no Tav in centro

Assalita storica sede Pd e Cipe
Redazione - 21 Novembre 2013

Scontri e momenti di tensione si sono verificati ieri nel corso del vertice bilaterale Italia Francia.

Verso le ore 16, mentre numerosi manifestanti dei movimenti per la casa e no Tav si stavano concentrando in Campo dei Fiori, un’ ottantina di persone hanno tentato di forzare i cordoni delle forze dell’ordine a tutela della sede del PD in S.Andrea delle Fratte lanciando oggetti e “bomboni”; dopo una carica di alleggerimento hanno desistito e si sono dispersi.

Analogo tentativo di blitz fallito alcuni minuti dopo in via della Mercede dove ha sede il CIPE. Anche qui sono stati respinti e dispersi.

Dopo aver ripetutamente girovagato intorno all’area di Montecitorio, completamente presidiata, il gruppo ha infine raggiunto gli altri manifestanti in Campo dei Fiori. Hanno provato a spostarsi in corteo nella stretta via dei Giubbonari pur non avendo l’autorizzazione ma dopo alcuni momenti di tensione sono stati nuovamente respinti dalla Polizia.

Durante gli scontri ed il lancio di oggetti sono rimasti feriti 6 poliziotti tra cui un funzionario e risulta imbrattata con scritte e vernice la sede del PD di Via dei Baullari.

“Sono molto preoccupato per gli attacchi alle sedi del Pd di via dei Giubbonari e S.Andrea delle Fratte ad opera dei manifestanti che sfilavano in centro per protestare in occasione del vertice Hollande-Letta”. Così in una nota il capogruppo del Pd in Campidoglio Francesco D’Ausilio.
“Ai compagni dei circoli vandalizzati va tutta la mia solidarietà.

Sono convinto che qualsiasi tipo di protesta non possa e non debba trascendere in atti lesivi e violenti come quelli di oggi. Non è così che si ottengono risultati.

E’ per questo che ho deciso di chiamare il Questore: dobbiamo garantire la sicurezza dei circoli del Pd e il normale proseguimento della vita democratica”.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti