Stazione Termini, il punto su sicurezza e accoglienza

Piantedosi: "Piano di riqualificazione da luglio in vista del Giubileo". Funari: "Accolte nella tensostruttura 127 persone"

Il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica si è riunito in Prefettura a Roma.

Annunciato, dal Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, il piano di riqualificazione dell’area della stazione Termini che verrà avviato da luglio prossimo in vista del Giubileo.  “Sarà un progetto di riqualificazione complessivo dell’area – ha affermato il Ministro – che andrà da piazza dei Cinquecento a piazza della Repubblica, compresi gli attraversamenti veicolari e i progetti di pedonalizzazione e riqualificazione di quelle aree. Dobbiamo cogliere l’occasione per contribuire a realizzare il progetto con un’attenzione rinnovata, anche per evitare che i cantieri si trasformino in luoghi insicuri“.

Un altro aspetto di questo intervento, ha sottolineato ancora Piantedosi, “è accompagnare Roma Capitale per creare le condizioni strutturali in modo che, a lavori finiti, le forze dell’ordine trovino un posizionamento visibile a supporto della sicurezza a beneficio dei cittadini“.

Alla conferenza stampa che si è svolta in Prefettura hanno preso parte anche l’assessore ai Lavori Pubblici e Infrastrutture Ornella Segnalini e quella alle Politiche Sociali e alla Salute Barbara Funari.

Durante l’incontro con il ministro – ha spiegato Funari – ci siamo confrontati anche sui numeri e l’efficacia della tensostruttura per senza dimora inaugurata lo scorso 17 febbraio nell’ex Hub vaccinale di Termini In questi primi mesi, con un turnover, nella struttura che può ospitare fino a 40 persone abbiamo accolto 127 senza dimora, di cui 30 donne, che rappresentavano 35 nazionalità differenti e il 20% italiani. Fin dalle prime ore dell’apertura la tensostruttura si è dunque  dimostrata una soluzione efficace sul fronte dell’accoglienza anche per iniziare un primo percorso di integrazione verso soluzioni più idonee.”


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento