Straripa il fiume Aniene

E' tracimato in più punti. A Roma, nel quartiere Montesacro, sgomberate cinque famiglie. A Tivoli il Comune ha chiesto lo stato di calamità naturale. Sgomberate per una frana quattro famiglie a Monteverde, evacuati quattro appartamenti a Bellegra
A.M. - 22 Maggio 2008

Un’altra mattinata di pioggia a Roma e provincia e in Ciociaria, con allagamenti e frane. Preoccupa la situazione dell’Aniene che è tracimato in più punti, a Roma nel quartiere Montesacro, dove sono state sgomberate cinque famiglie. A Tivoli il Comune ha chiesto lo stato di calamità naturale. Sgomberate per una frana quattro famiglie a Monteverde, evacuati quattro appartamenti a Bellegra, dove ha ceduto una collina.

Salvata dai vigili del fuoco una famiglia di nomadi nel campo di Salone. Migliaia di richieste di soccorso al 112 dei carabinieri, che hanno aiutato molte famiglie in difficoltà per allagamenti nelle abitazioni. Allagata e chiusa per mezz’ora fermata metro Giulio Agricola. Studenti svuotano aule allagate.

Per tutta la notte la Protezione civile ha proseguito gli interventi e anche questa mattina è in azione in diverse zone della regione dove l’ingrossamento dei fiumi e le notevoli precipitazioni delle ultime 36 ore hanno causato numerosi disagi. Al momento sono impegnate circa 50 squadre di volontari, con 300 persone in azione che utilizzano almeno 30 tra motopompe e idrovore e oltre 10 pale e altre mezzi movimento terra.

Fresco Market
Fresco Market

Sull’Aniene situazione di attenzione ma in leggero miglioramento: scende il livello del fiume a monte, mentre i livelli restano sopra le medie a Ponte Mammolo e Ponte Salario, verso la confluenza con il Tevere. In particolare le squadre di volontari stanno operando, nella zona di Ponte Mammolo a Roma, dove l’Aniene è uscito dagli argini e ha allagato un tratto di via Palmiro Togliatti. Nell’area fluviale sono state invase dalle acque anche un’azienda di marmi e una scuola, senza però creare problemi alle persone.

In questa zona sono impegnate due squadre con circa dieci uomini. Sempre nella zona dell’Aniene la Protezione civile regionale sta operando nell’area del campo di Via di Salone a Roma, dove ha inviato un pullman per trasportare i nomadi costretti a lasciare il campo. Per allagamenti sfollati in tutto, questa notte, un centinaio di persone tra le frazioni di Corcolle (Rm) e Albuccione (Tivoli).

Numerosi interventi per frane anche su diverse strade provinciali attorno a Tivoli, Poli e S. Gregorio da Sassola, sempre in provincia di Roma. Protezione civile al lavoro anche a S. Vito Romano, dove una frana ha interessato il borgo e il cimitero, causando la fuoriuscita di almeno 50 bare dalla loro sede e danni alle strutture di alcuni edifici del paese. Al lavoro sul posto i tecnici della protezione civile, della Asl e i Vigili del Fuoco, insieme agli ingegneri del Genio civile messi a disposizione dall’assessorato ai Lavori Pubblici della Regione Lazio.

Nelle altre province del Lazio si segnalano squadre al lavoro con mezzi cingolati a Cori, per la rimozione di detriti finiti sulle strade e nel frusinate a Serrone, dove a causa di una frana è stata chiusa via IV novembre. Per ogni segnalazione la Protezione Civile Regionale del Lazio è a disposizione con il numero verde della sala operativa, 803 555, attivo tutti i giorni 24 ore su 24.

(fonte La Repubblica 22 maggio 2008)

Guarda le immagini dell’ esondazione del fiume Aniene:

 

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti