Tatami, favorisce il cambiamento personale grazie allo Shiatsu

M. I. - 28 Novembre 2022

Il momento che stiamo vivendo tra crisi economica, pandemia e guerra ci sta mettendo tutti a dura prova sotto ogni punto di vista. Ci è sembrato utile andare a trovare Livio Bucci, operatore e insegnante Shiatsu, presso la sede della sua associazione Tatami in Via Piccinni 57 nel quartiere Trieste per sapere come sia possibile “favorire il cambiamento in contatto con la natura ed i processi vitali”.

Covid: per le attività come la vostra deve essere stato un periodo molto complesso. Come lo avete attraversato?

E’ stato un periodo impegnativo, nel primo lockdown abbiamo chiuso e sospeso tutte le attività, l’abbiamo fatto ancora prima che questo provvedimento scattasse tramite legge, per prudenza e rispetto per i nostri associati. Soprattutto c’era grande incertezza e preoccupazione per l’evolversi della situazione. E ovviamente questo ha avuto forte ricaduta sull’equilibrio economico della nostra piccola realtà. Con il supporto di alcuni soci e mio personalmente abbiamo sostenuto per un periodo la sede. Abbiamo utilizzato i Webinar soprattutto per tenere vivi i contatti e l’interesse per le nostre discipline olistiche. In questo si sono sentiti pesanti i limiti di un approccio “digitale” e non fisico.

Man mano che la situazione andava chiarendosi abbiamo ripreso i trattamenti individuali di Shiatsu con tutte le protezioni del caso, mentre per le attività di gruppo è stato un continuo start and stop con grande difficoltà a programmare le attività future.

Nel frattempo abbiamo adeguato la sede in termini di misure di igiene e prevenzione nel rispetto delle norme che cambiavano man mano.

Abbiamo riscontrato un generale bisogno e al contempo timore di incontrarsi e riprendere i contatti fisici. Per le nostre discipline fondamentali per una evoluzione e recupero delle relazioni sociali profonde.
Anche quando non ci sono state vere e proprie chiusure durante il picco dei contagi di fatto gli utenti erano ormai pochissimi per sostenere le diverse occasioni di pratica.

L’impegno è stato sempre quello di mantenere i contatti a livello umano anche se a distanza e quando è stato finalmente possibile, abbiamo ripreso la formazione della scuola shiatsu permettendo di riprendere il proprio iter didattico a chi lo aveva bruscamente interrotto, ed è stata una grande gioia, seppur con mille difficoltà pratiche nel seguire tutte le regole e norme. Ma ce l’abbiamo fatta e guardiamo al futuro rinnovando l’impegno nel realizzare il nostro obiettivo sociale.

Ora che la pandemia sembra aver allentato il suo morso come sta andando? E cosa prevedete per il vostro prossimo futuro?

Stiamo riscontrando un rifiorire di richieste e adesioni per le varie attività che proponiamo. In particolare i trattamenti shiatsu di cui si sente un gran bisogno dopo il lungo isolamento per prendersi cura della propria persona a tutti i livelli psico/fisico/emozionale.
Lo Shiatsu per questo è, secondo me, l’approccio ideale. Ma anche le attività di gruppo sono riprese seppur con numeri più limitati.

Preciso che lo Shiatsu non è un Massaggio, a differenza del Massaggio comunemente inteso lo Shiatsu non utilizza olii o creme, si pratica vestiti in abiti comodi secondo la tradizione giapponese.
Benchè sia conosciuto appunto come massaggio, lo shiatsu è una tecnica manuale basata sulle pressioni mirate ad alcune parti del corpo e agisce in profondità allentando tensioni muscolari e attivando il sistema parasimpatico.
In essenza stimola le naturali risorse della persona per un ristabilimento dell’equilibrio individuale, dona sempre una sensazione di benessere e vitalità, ovviamente se praticato da operatori professionisti.

Adotta Abitare A

Per quanto riguarda I corsi di Shiatsu proponiamo un percorso triennale per una formazione solida e completa in linea con le più autorevoli associazioni di settore. Ma anche seminari monografici di sicuro interesse e di alto livello, in termini di qualità ed esperienza dei relatori, cercando di mantenere costi accessibili in un momento di diffuse difficoltà economiche.

Per quanto riguarda le attività complementari come lo Yoga, ancora prima del Covid avevamo scelto di proporre piccoli gruppi per comodità logistica, ma anche per rendere il rapporto insegnante/utente più attento e personalizzato, in un ambiente accogliente e tranquillo differenziandoci dalle affollate palestre con istruttori di dubbia preparazione.

Abbiamo proposto anche eventi culturali come la presentazione di un libro su esperienze di Shiatsu in ambiti disagiati del sociale (carceri-comunità-disagio mentale etc.), o sull’utilizzo della voce e del suono come strumento di conoscenza e stimolazione energetica con relatori di grande esperienza ed umanità.

L’impegno è quello di continuare su questa strada per diffondere con esperienze i nostri valori di solidarietà, rispetto, evoluzione umana.

Da quanti anni svolgete questa attività?

La nostra è una storia che viene da lontano. Per oltre 20 anni la nostra sede è stata in viale Castro Pretorio, facevamo parte dell’accademia italiana shiatsu do, ad oggi una delle realtà più autorevoli per la formazione shiatsu in italia (riconosciuta Apos, Associazione Professionale Operatori e Insegnanti Shiatsu), e abbiamo formato centinaia di operatori shiatsu ed erogato trattamenti shiatsu con operatori professionisti.
Personalmente insegno da 22 anni e sono operatore professionale da 25, e ancora non mi sono stancato di praticare e diffondere in varie modalità la splendida disciplina che è lo shiatsu.

E da quanto tempo siete nella attuale sede/zona? Che rapporto avete con il quartiere?

Siamo nell’attuale sede in Via Piccinni dal 2017, amiamo la nostra attuale ubicazione, a ridosso del parco di Villa Chigi in una zona a due passi da viale Libia. Un quartiere tranquillo e ottimamente collegato. E a Roma questo può fare la differenza.

Diciamo che i due anni di restrizioni non hanno favorito la realizzazione di iniziative che coinvolgessero le persone del quartiere, ora gradualmente iniziamo ad essere riconosciuti e apprezzati per serietà e accoglienza.
Rispetto alla precedente sede, seppur più piccola, è decisamente più adatta alle nostre attività che hanno bisogno di silenzio e tranquillità.

In che modo la vostra associazione “favorisce il cambiamento”?

E’ il nostro slogan, in cui crediamo fermamente, ognuno di noi nel corso del tempo cambia, cresce, si evolve. A volte per qualcuno questo processo crea resistenze o difficoltà alla consapevolezza e quindi alla migliore espressione delle proprie risorse. In particolare in questo momento storico siamo tutti sottoposti a forti stimoli esterni e le nostre energie sono in gran parte indirizzate ad “andare avanti” dedicando poco tempo al proprio benessere fisico/spirituale.
Dico per esperienza che lo Shiatsu in particolare può essere uno straordinario strumento di conoscenza ed evoluzione, sia come formazione e pratica sia come trattamenti singoli. Non è un caso che sia fra le discipline olistiche più diffuse nel nostro paese, lo è per la sua semplicità e al contempo complessità.
Ormai anche la scienza “ufficiale” riconosce a pratiche come lo Shiatsu e lo Yoga la capacità di migliorare e rafforzare lo stato di salute generale della persona e rinforzando il sistema immunitario, non limitandosi ad un approccio meccanico, ma valorizzando le relazioni umane.

La nostra scuola non vuole proporre uno dei tanti corsi brevi di Massaggi non meglio specificati, ma fornire agli allievi e futuri operatori le competenze adeguate per una solida professionalità e una straordinaria occasione di evoluzione personale

Nel nostro piccolo vogliamo stimolare questo tipo di approccio, per una migliore qualità della vita.

Mi dica una cosa per attrarre verso di voi una persona che non sa nulla di Shiatsu e una per una persona già esperta.

Per chi non sa nulla non posso dire altro che lo Shiatsu si apprezza provandolo, non c’è pubblicità o spiegazione che sia esaustiva per apprezzare la sua qualità, per chi conosce già la disciplina posso assicurare che la nostra lunga esperienza è al servizio del più esigente cliente. Inoltre a differenza di altri stili e impostazioni l’esperienza dei trattamenti shiatsu è sicuramente piacevole e da occasione, a chi vuole, di concedersi momenti intensi di tranquillità e benessere e avviare un processo di progressivo miglioramento.

Per quanto riguarda la formazione, il nostro metodo (sperimentato in oltre 20 anni) accompagna l’aspirante operatore o il semplice amatore dai primi passi fino alla formazione completa che dura tre anni con un metodo solido e sperimentato, come riconosciuto dalle più rappresentative associazioni di categoria. Forniamo tutti i supporti didattici e aggiornamenti istituzionali.

Quale il prossimo appuntamento?

In questo momento stiamo programmando per il 2023, per ogni aggiornamento potrete consultare il nostro sito www.tatamiasd.it sempre aggiornato.
Continueremo certamente a proporre eventi di sicura qualità con relatori e docenti di comprovata esperienza e in sintonia con la nostra mission. Vi aspettiamo.

Info

E-mail: tatamishiatsu@gmail.com – tel. 0689138603 –  Whatsapp 3386288191


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti