Torna a splendere la Fontana di Trevi

Concluso la prima parte del restauro, grazie al progetto «Fendi for Fountains»
Serenella Napolitano - 31 Gennaio 2015

Il primo step del restauro della Fontana di Trevi si è concluso e così l’arte tardo barocca della fontana più chic di Roma torna a splendere.

“Un pezzo della Fontana di Trevi torna a splendere e sarà già visibile al pubblico- dichiara in una nota l’assessore capitolino alla Cultura, Giovanna Marinelli – È iniziato infatti, lo smontaggio del ponteggio centrale dopo l’intervento di restauro delle superfici lapidee, delle opere scultoree e delle iscrizioni metalliche in piombo e in rame dorato iniziato lo scorso 4 giugno.

Una fase delicata che durerà tre settimane nel corso delle quali, mano a mano che i ponteggi saranno rimossi, i tecnici effettueranno l’ultima revisione delle superfici e i restauratori eseguiranno le ultime rifiniture. Sul prospetto è già stato collocato l’impianto di allontanamento volatili.

Nella parte centrale – continua la Marinelli – rimarranno le impalcature nei primi due piani, che serviranno anche da supporto ai ponteggi che saranno montati sulle facciate laterali. Partirà quindi la seconda fase del restauro che, oltre al proseguimento dei lavori sulla scogliera, interesserà il prospetto laterale di sinistra e la parte inferiore del gruppo scultoreo di Oceano, con il carro trainato dai due cavalli con i tritoni”.

Fontana Trevi: 'delusi da impalcature',scrive gruppo turistiAnche se da giugno 2014 la Fontana è stata avvolta dai ponteggi, oltre 1 milione e 600 mila persone, dati di cui parla l’assessore, hanno potuto ammirare il capolavoro di Nicola Salvi. A permettere la visione  della stessa, da un’angolazione del tutto nuova, è stato il ponte mobile creato ad hoc per il restauro. Senza dubbio ha giocato alla promozione del monumento il cantiere aperto ai visitatori, in modo che oltre a godere della maestosità artistica, si è potuto ammirare il lavoro dei restauratori.

Inoltre per seguire le varie fasi del progetto si è provveduto a creare un portale internet www.restaurofontanaditrevi.it su cui sono passati 18 mila utenti.E per essere innovativi non poteva mancare un’App smartphone per iPhone e dispositivi Android che permette di scattarsi i selfie vicino alla Fontana.

Il restauro è reso possibile grazie al progetto «Fendi for Fountains» patrocinato dalla maison Fendi che interesserà assieme alla Fontana di Trevi anche il complesso delle Quattro Fontane e ha come obiettivo la valorizzazione e la conservazione di alcune delle fontane storiche di Roma, patrimoni storico-artistici della Capitale.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti