Uno sguardo al femminile dal 1965 al 2018

La mostra fotografica di settanta autrici italiane, a cura di Raffaella Perna, fino al 2 settembre a Palazzo delle Esposizioni
Vania Garzillo - 25 Giugno 2018

Fotografie e libri fotografici, per un totale di settanta autrici italiane dagli anni Sessanta ad oggi, nella mostra “L’altro sguardo. Fotografe italiane 1965-2018”, a cura di Raffaella Perna, ospitata fino al 2 settembre 2018 a Palazzo delle Esposizioni.

La mostra è promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo, ideata dalla Triennale di Milano e dal Museo di Fotografia Contemporanea di Milano-Cinisello Balsamo in collaborazione con l’Azienda Speciale Palaexpo.

La collezione – unica nel suo genere in Italia – è composta da opere fotografiche di autrici appartenenti a generazioni ed ambiti espressivi diversi: dai lavori pionieristici di Paola Agosti, Letizia Battaglia, Lisetta Carmi, Elisabetta Catalano, Carla Cerati, Paola Mattioli, Marialba Russo, sino alle ultime sperimentazioni condotte tra gli anni Novanta e il 2018 da Marina Ballo Charmet, Silvia Camporesi, Monica Carocci, Gea Casolaro, Paola Di Bello, Luisa Lambri, Raffaella Mariniello, Marzia Migliora, Moira Ricci, Alessandra Spranzi e numerose altre.

Gli scatti provengono dalla Collezione Donata Pizzi, costituita proprio per promuovere la conoscenza del lavoro delle più interessanti e significative interpreti della fotografia italiana negli ultimi decenni, che segnarono la presenza importante di artiste nel settore, prima ritenuto “maschile”.

Attraverso le fotografie è possibile risalire alle epoche storiche che si sono susseguite, ai modelli culturali, ai canoni estetici, ai valori del tempo. E’ un racconto per immagini  da cui emerge la centralità del corpo e delle sue trasformazioni, la necessità di dare voce a esperienze personali e al vissuto quotidiano e familiare, il rapporto tra la memoria privata e quella collettiva, temi che affiorano sia dalle foto di reportage che da quelle sperimentali.

L’esposizione si articola in quattro sezioni, dedicate, rispettivamente, alla fotografia di reportage e di denuncia sociale (Dentro le storie); ai rapporti tra immagine fotografica e pensiero femminista (Cosa ne pensi tu del femminismo?); ai temi legati all’identità e alla rappresentazione delle relazioni affettive (Identità e relazione); e, infine, alle ricerche contemporanee basate sull’esplorazione delle potenzialità espressive del mezzo (Vedere oltre).

In mostra verrà proposto inoltre il documentario PARLANDO CON VOI, con interviste a molte delle fotografe in mostra, tratto dal libro omonimo di Giovanna Chiti e Lucia Covi (Danilo Montanari Editore), prodotto su idea di Giovanni Gastel da AFIP International – Associazione Fotografi Professionisti e Metamorphosi Editrice.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti