Viadotto delle Valli, sgombero e bonifica dell’area

Sabato 26 Settembre sono stati sgomberati i nomadi che si erano insediati sul marciapiede e nell’area circostante le giostre
Enzo Luciani - 28 Settembre 2009

Nelle foto l’area prima e dopo l’intervento

La stato di degrado del Viadotto delle Valli, in II Municipio, era stata segnalata più volte dal consigliere municipale del Pdl. Sabato 26 Settembre alle ore 7,30 sono stati sgomberati i nomadi che si erano insediati sul marciapiede e nell’area circostante le giostre.

L’intervento delle forze dell’ordine era stato richiesto dai cittadini e dai gestori dei locali. I cittadini lamentavano che la presenza dei 12 rom, di origine romena, in quell’area, creava disagi ai pedoni che dovevano camminare sulla carreggiata stradale, e correvano il pericolo di essere investiti dai veicoli che sfrecciavano sul viadotto delle Valli. Che tutta l’area verde, fino alla golena del fiume Aniene, risultava ricoperte da un cumulo d’immondizia, carrelli della spesa, masserie, avanzi di cibo, infestata da ratti, emanando un odore nauseabondo.E che durante il giorno le donne chiedevano l’elemosina in viale Libia, tenendo in braccio i figli, mentre gli uomini andavano alla ricerca di cavi elettrici, per rivenderne il rame, utilizzando furgoni semi-nuovi e lussuose auto BMW, parcheggiate la notte davanti la loro baraccopoli, stranamente fornite anche di antenne paraboliche.

I gestori di locali pubblici, della zona Conca D’Oro, contemporaneamente stavano procedendo alla raccolta firme nel quartiere, per inoltrare una petizione alle istituzioni.

Ad bonificare l’area è intervenuto il personale dell’Ufficio Decoro del Gabinetto del Sindaco, demolendo i capanni e le recinzioni abusive, con grande impegno di uomini e di mezzi; a completamento dell’opera, è intervenuto anche un automezzo “ragno” che col braccio meccanico per rimuovere la discarica che i nomadi avevano causato sul terreno scosceso che degrada verso l’Aniene.

Numerosi cittadini si sono fermati per assistere alla bonifica, esprimendo soddisfazione per l’amministrazione comunale, per la velocità con cui è stato rimosso l’insediamento, ringraziando soprattutto la Polizia Municipale.

"Questo risultato – dichiara il consigliere Inches – è stato possibile grazie alla collaborazione con i residenti, che non devono più essere spettatori del degrado ereditato dalla precedente amministrazione, ma pretendere che avvenga il cambiamento che il centro-destra aveva promesso e che sta mantenendo".

 

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti