170° Repubblica Romana, Figliomeni (FDI): “L’etica dei valori di chi ha reso grande l’italia”

Redazione - 8 Febbraio 2019

“Ricorre sabato 9 febbraio 2019, l’anniversario della proclamazione della Repubblica Romana del 1849, nata sulla spinta dei grandi moti liberali di metà Ottocento che purtroppo ebbe vita breve, soltanto cinque mesi, a causa delle ingerenze francesi di Luigi Napoleone Bonaparte, futuro Napoleone III, ma ancora oggi costituisce un’esperienza importante per l’unificazione italiana e nei pochi mesi della sua durata l’Italia passò dalla condizione di uno degli Stati più arretrati d’Europa a banco di prova di nuove idee democratiche.

“Vicenda tra le più gloriose ed epiche della nostra storia, punto focale del Risorgimento, fu fondamentale per perseguire la democrazia e la moderna libertà politica che molto deve insegnare all’Italia di oggi. Mentre gli invasori entravano a Roma, in Campidoglio, si dava lettura al popolo romano della Costituzione che non sarebbe mai entrata in vigore, e parole come “Fede in Dio, nel diritto e in noi. W la Repubblica Romana. W l’Italia”, dal proclama dei triumviri Saffi, Armellini e Mazzini, dovrebbero farci riflettere in un periodo come il nostro in cui stiamo perdendo la nostra identità. Eroi come Luciano Manara, Goffredo Mameli, Colomba Antonietti e l’eroico bambino Righetto, morirono per la difesa di Roma, scrivendo così una pagina di storia dal forte impatto morale. In una società che dimentica le proprie radici è importante guardare al passato e far tesoro di quanto ci è stato lasciato, perché ha permesso di renderci la grande Nazione che siamo oggi, senza tener conto dei tanti detrattori che non finiscono mai di gettare fango sulla nostra storia”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti