22 marzo: nella Giornata Mondiale dell’Acqua un workshop sul Tevere del futuro

E il 24 marzo appuntamento lungo i sentieri del Parco degli Acquedotti
Redazione - 19 Marzo 2019

Venerdì 22 marzo 2019 alle ore 10 in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua il WWF Roma e Area Metropolitana organizza un workshop dal titolo “Biodiversità e riqualificazione fluviale: il Tevere, uno sguardo al futuro” presso la sede WWF di Roma presso la Sala Panda in via Po 25/C.

Un appuntamento per riflettere sul futuro del Tevere: dalla ricca biodiversità che ospita anche nel tratto urbano ai possibili interventi di riqualificazione che potrebbero contribuire a recuperare appieno la centralità che il Fiume merita.

Una mattinata che verrà animata dai contributi di esperti che a vario titolo intrecciano il proprio impegno, non solo professionale, con la gestione degli ecosistemi fluviali.

“Gli interventi di riqualificazione fluviale nel nostro Paese stentano ancora ad affermarsi come prassi consolidata, nonostante sia ormai una priorità tornare ad occuparci dei nostri fiumi, di una loro gestione attenta e rispettosa, superando una visione che troppo spesso ne ha compromesso l’identità e la capacità di garantire i servizi ecosistemici dai quali non possiamo prescindere. L’imprevedibilità di eventi metereologici, sempre più estremi, chiamano a nuovi impegni e nuove responsabilità, alla capacità di saper rispondere alla gravità del momento, a partire dalle nostre città. Lanciare in tal senso una riflessione dalla Capitale e dal suo Fiume ci sembra il miglior modo per celebrare la Giornata Mondiale dell’Acqua, la risorsa da cui tutto inizia.” dichiara Raniero Maggini Presidente del WWF Roma e Area Metropolitana

L’Acqua, risorsa preziosa quanto minacciata, sarà la protagonista anche dell’appuntamento lungo i sentieri del Parco degli Acquedotti che WWF Roma e Area Metropolitana con Sotterranei di Roma propongono per domenica 24 marzo: ore 10.00 – Piazza Aurelio Celio Sabino n. 50 presso la Chiesa di San Policarpo.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti