Aeroporti di Roma: novità per i parcheggi e le nuove misure di sicurezza

G. A. - 28 Maggio 2021

L’aeroporto di Fiumicino è il più importante collegamento italiano sia a livello nazionale che internazionale. Con i suoi oltre 43 milioni di passeggeri annuali, è una delle arterie portanti dei trasporti nel nostro paese e si trova a circa 30 km dalla Capitale. Alla sua attività si affianca quella dell’altro aeroporto romano, lo scalo di Ciampino, da cui partono anche voli di tipo umanitario e militare. I due aeroporti sono distanti tra loro circa 32 km, in una posizione comoda rispetto alle altre infrastrutture di collegamento.

I due aeroporti sono recentemente entrati in sinergia anche per la gestione dei parcheggi.
Per il parcheggio dell’aeroporto Roma Fiumicino e di Roma Ciampino è stata scelta la ditta Nice che garantisce un sistema automatico per il controllo di accessi, secondo una modalità integrata e comune per i parcheggi degli Aeroporti di Roma. Si tratta di una delle infrastrutture più grandi di Roma con 22.000 posti auto suddivisi in 52 aree parcheggio, con la presenza di 190 varchi di entrata/uscita, capaci di leggere e individuare le targhe.

L’aspetto interessante di questo sistema di gestione parking è che è in grado di monitorare costantemente l’automazione da remoto, con un alto fattore diagnostico delle situazione capace di evitare perdite di tempo in inutili sopralluoghi. Valore aggiunto del prodotto è l’alta qualità estetica e di design, valore che l’azienda ha in comune con il la società Aeroporti di
Roma.

Nuova sicurezza per le partenze

In seguito al diffondersi della variante indiana in India, Bangladesh e Sri Lanka, lo stato italiano si è attivato, in sinergia con le autorità aeroportuali romane e la protezione civile, per attivare nuove misure di sicurezza per i voli provenienti dai tre paesi.
Il primo passo, fatto a inizio maggio, è stato quello di cercare di rintracciare i passeggeri, con particolare difficoltà per quelli indiani, difficoltà dettata dal fatto che la metà della comunità sikh residente in Lazio risulta essere senza regolare permesso di soggiorno. Un focolaio è stato localizzato a Bella Farnia, diventata zona rossa.

Per i passeggeri provenienti dai paesi interessati dalla variante indiana è stata attivata la quarantena fiduciaria, che significa non obbligatoria e sorvegliata, misura diffusa anche in Usa e Australia; da segnalare il problema dell’assenza di tampone dalle località di partenza.

A metà maggio, con un’ordinanza speciale, è stato permesso l’ingresso ai soli cittadini italiani. Questo ha comportato la sospensione dei collegamenti da e per l’India e la presenza di voli speciali per i soli italiani; tale situazione è attualmente in vigore fino al 31 maggio.
Ai nostri connazionali è stato vivamente consigliato il rientro data la critica situazione sanitaria dell’area, dove risulta difficile l’accesso alle cure mediche. Non è stato più permesso l’ingresso ai cittadini non italiani.

Tutte le nostre notizie relative all’emergenza Covid e vaccinazioni sono all’interno della nostra sezione dedicata alla sanità.

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti