Alessandrino. Finalmente cade il muro di via Ardoino

Il 24 aprile sono iniziati i lavori per l’apertura e la sistemazione della via dopo un iter di 15 anni
Sergio Scalia - 24 Aprile 2019

Via Onorato Ardoino è una strada dell’Alessandrino che, secondo il PRG (Piano Regolatore Generale) e alcune mappe di Roma, dovrebbe congiungere Via del Pergolato con Viale Alessandrino, ma che è interrotta da un muro all’altezza di via dei Ribes, perché considerata proprietà privata da alcuni condomini.

Da tanti anni gli abitanti della zona e il Comitato di Quartiere hanno chiesto l’apertura della strada, utile per la scuola dell’obbligo di via del Pergolato e per l’accesso dei mezzi di soccorso che spesso si trovano davanti a una strada senza uscita.

L’opera venne finanziata nel Piano Investimenti 2003 del Municipio e prevede la realizzazione di marciapiedi a norma ed il collegamento con Viale Alessandrino. La gara per i lavori è stata effettuata nel 2004. La delibera di variante è stata approvata dal Consiglio Comunale con la Deliberazione n. 233 del 15/11/2007.  A febbraio 2008 è stato pubblicato sui giornali l’avviso agli espropriandi, ripetuto dopo alcuni mesi con l’integrazione di altri proprietari e nel 2009 si erano concluse le procedure formali di comunicazione. Ma per completare il pagamento degli espropri e aggiornare i costi delle opere calcolati nel progetto ai valori del 2003, occorreva reperire circa 100 mila euro nel piano investimenti del Municipio, che durante i 5 anni di Alemanno ha ricevuto zero Euro per investimenti. Si arriva così al bilancio 2014 della Giunta Marino che assegna ai Municipi nuovi fondi, consentendo di pagare gli espropri e adeguare i costi dell’opera e finalmente a fine maggio 2015 gli uffici del Comune procedono all’esproprio delle aree per poterle consegnare alla ditta incaricata dai lavori. Il Municipio chiede alla Ragioneria del Comune l’autorizzazione alla consegna e all’utilizzo dei finanziamenti accantonati nel rispetto del patto di stabilità.

A ottobre sembra tutto pronto per la consegna dei lavori alla ditta Malù Lavori Srl, vincitrice nel 2004 della gara d’appalto, ma ecco che il responsabile della ditta viene arrestato il 14 ottobre nell’ambito dell’inchiesta per le opere di manutenzione stradale del Giubileo e accusato di aver corrotto un funzionario comunale per ottenere l’assegnazione dei lavori per la riqualificazione di Via delle Mura Latine.

A questo punto il Dirigente Tecnico del Municipio ha bloccato la consegna dei lavori e chiesto al Segretariato Generale del Comune se la ditta Malù, affidata ad un commissario straordinario, era tornata in possesso dei requisiti di onorabilità, oppure se si doveva procedere alla revoca dell’affidamento e alla pubblicazione di una nuova gara d’appalto per i lavori. Quando si tratta di interpretare una norma, ogni Dirigente comunale fornisce una sua interpretazione e quindi, visti gli avvicendamenti dei Dirigenti tecnici e del Segretariato avvenuti in quegli anni, fino al 2018 non si era riusciti a trovare una interpretazione uniforme.

Davanti a questa paralisi delle scelte, il Comitato di Quartiere aveva minacciato uno sciopero dell’Alessandrino se non fossero partite quelle opere già finanziate come via Ardoino e la Piazza dell’Acquedotto. A questo punto anche le Commissioni municipali hanno sollecitato una decisione, che è stata quella di annullare il precedente affidamento e di bandire una nuova gara, che si è conclusa quest’anno. Finalmente, dopo 15 anni dalla prima gara sono iniziati i lavori per l’apertura di via Onorato Ardoino.

Va riconosciuto alla Giunta Boccuzzi di aver portato a termine questa fase finale di un lungo iter, che ha impegnato diverse Giunte Municipali per superare gli ostacoli degli espropri e dei finanziamenti aggiuntivi.

I cittadini e il Comitato di Quartiere Alessandrino seguiranno attentamente nei prossimi mesi l’avanzamento dei lavori per verificare che siano realizzate tutte le opere previste dal progetto.

 

Sergio Scalia


Commenti

  Commenti: 1


  1. Grazie Sergio Scalia per aver raccontato questa annosa vicenda e la sua positiva conclusione. I’ “ASSOCIAZIONE CITTA’ ALESSANDRINA” è su face book ,chi volesse seguirci e partecipare ai ns programmi sarà il benvenuto. Più siamo…più forza avremo!
    Marisa Travascio

Commenti