Ancora tracce di scienza e sapienza

Al monastero di Santa Scolastica a Subiaco
GiProietti - 24 Agosto 2022

Il monastero di Santa Scolastica a Subiaco è conosciuto da molti ma non da tutti. Qui, 557 anni fa, due tedeschi, Sweinheim e Pannartz, realizzarono la prima stamperia in Italia di libri cartacei, cioè la gloriosa Biblioteca dell’Abbazia, una delle più ricche e antiche del mondo, piena di incunaboli, di pergamene, di capolavori fatti dalle dita di migliaia di amanuensi benedettini da vari secoli, che cominciò da allora ad ospitare anche libri, come li conosciamo noi, molto più consultabili e alla portata di tutti.
Passaggio fondamentale per la cultura dell’uomo moderno.

Per ricordare il 550° anniversario della stampa dei primi libri a Santa Scolastica, nel giugno 2015 venne, in questo Protocenobio, Umberto Eco, che tenne una lectio magistralis da par suo sulla Biblioteca.
In quell’occasione il grande letterato e umanista, nato nel 1932, ricordò che, all’età di 16 anni, egli aveva seguito in Santa Scolastica una serie di esercizi spirituali, che gli permisero di passare molte ore nello studio tra quegli scaffali.
Fu un periodo molto importante per la sua formazione di bibliofilo e di scienziato della semiotica. A Subiaco si cominciò allora, come per altri infiniti letterati e storici nei secoli, a costruire una personalità, che tanto ha fatto per lo sviluppo della cultura, italiana e mondiale.
Fu in quell’esperienza giovanile che Eco cominciò a gustare il mondo benedettino, che poi divenne protagonista nel più famoso suo libro Il Nome della Rosa.
Poi il grande filosofo continuò in altri monasteri, come San Michele in Val di Susa, nel suo Piemonte, lo studio in quelle biblioteche, che affinarono la sua grande mente di filologo, scrittore e massimo semiotico e medievalista.

Quando andate a Santa Scolastica, perciò, dopo aver studiato i capolavori architettonici lì presenti, ed esservi informati sulla storia fondamentale dei Benedettini, passate pure alla Biblioteca, per vedere le origini, non solo metaforicamente, del nostro Sapere.
Ne uscirete sicuramente migliori.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti