Bioparco, Figliomeni (FDI): “Interrogazione per conoscere motivi scioglimento CdA  Fondazione ”

Redazione - 19 Febbraio 2021

Il Bioparco di Roma, il giardino zoologico più antico d’Italia, oggi è una struttura che conserva animali a rischio di estinzione ed effettua ricerche scientifiche con maggiore rispetto dei diritti degli animali, spesso svolgendo anche attività di educazione ambientale. Purtroppo negli ultimi tempi sta attraversando momenti difficili con scarsi introiti economici a causa del coronavirus e del suo lockdown e di alcune beghe interne che rendono difficile la gestione”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.

“Due giorni fa – prosegue la nota – la Raggi, con un ordinanza sindacale ha rimosso  di fatto il CdA, salvando soltanto il presidente Francesco Petretti. Crediamo che il problema risieda in quanto accaduto ai vertici del Bioparco nel mese di dicembre, in merito a due otarie, provento di una donazione internazionale, che da circa due anni vivono in una vasca  per loro non consona, per cui il consiglio di amministrazione ha deliberato, con l’astensione del vice presidente e il voto contrario del presidente, il trasferimento delle otarie nel Delfinario di Malta, istituzione privata, a cui il presidente della Fondazione Bioparco si oppone chiamando in causa il Comune che ne è proprietario di maggioranza e il Dipartimento Ambiente che ne segue le vicende. Quello che ci chiediamo noi è come mai non si potevano fare dei lavori di adeguamento  per creare l’ambiente ottimale per queste otarie, invece di cederle a terzi, in questo caso il Delfinario di Malta, che oltre a non essere membro dell’associazione europea di zoo e acquari -Eaza, li ospiterebbe in una vasca senza requisiti richiesti e fondamentali per il loro benessere.”

“Ora finalmente – conclude Figliomeni – le otarie rimarranno a Roma, ma sicuramente dietro questa vicenda si nascondono neanche troppo velatamente lotte di potere e divergenze sulla gestione su cui vogliamo vederci chiaro, motivo per cui abbiamo predisposto un’interrogazione, visto che ci sta a cuore il benessere e la tutela degli animali che qui sono ospitati e i dipendenti che si prendono cura degli animali, e non vogliamo che per scelte sbagliate, si possa distruggere per lotte interne anche l’istituzione della Fondazione Bioparco, una delle poche realtà ancora ben funzionanti della Capitale. Siamo stanchi di dover assistere all’ennesima incapacità gestionale dell’Amministrazione grillina, che speriamo sia una delle ultime in ordine di tempo”.

Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti