Collettiva d’Arte e musica Live per 100celle

Il programma dell'iniziativa organizzata da Porte Finestre Parquet e Sicurezza Fratelli Marinelli Sas e B-Folk domenica dalle ore 16:00 alle 23:00
Redazione - 22 Maggio 2019
Abitare A Speciale

“Centocellule tessiamo la rete” è l’invito che viene dall’iniziativa F..lli Marinelli in Collettiva d’Arte e musica Live per 100celle, organizzata da Porte Finestre Parquet e Sicurezza Fratelli Marinelli Sas e B-Folk domenica dalle ore 16:00 alle 23:00

 

Sarà nell’intento dei promotori (qui di seguito riportiamo il programma tratto da facebook) “una giornata di unione, con #arte, #musica, #recitazione, #poesia, #cultura e #confronto per un #quartiere a dimensione umana! Abbracciando con slancio il progetto di #CentoCellule ospiteremo all’interno dei nostro spazio:
Ore 16,00 collettiva d’arte con:
* Cristiano Rea
* Giuliano percossi Papi
* Laura Borgogni
* Lorenzo Bellosono
* Michela Cenni
* Roberta Ragazzi
(la collettiva proseguirà fino alle 23,00)
Ore 17,00 il mitico #Bfolk si unira’ a noi presentando:
– musica live con ABDOU E BAY FALL –
seguira’ :
Ore 21,00 Performance di Daniele Amenta

Per chi ha fame di sapori esotici e voglia di aprirsi al mondo:
dal pomeriggio a sera nel lato esterno #BaobabStreetFood / Catering Ristorante

Alle Ore 16,00 nel nostro piccolo ma storico laboratorio:
La #Finestra ci racconta “Chiacchiere” su come e cosa
fare per migliorare la nostra vita, e partecipare attivamente al riequilibrio ambientale. con:
* Fabrizio Marinelli
* Francesca Benincà

In un momento in cui il territorio di #Centocelle sta avendo un cambiamento rilevante, dove l’apertura di numerose attività può portare ad un estraniamento invece che ad una socialità di confronto, scambio e legame, le realtà presenti nella rete di CentoCellule si mettono in gioco, decidendo di aprirsi a tutte e a tutti in una giornata simbolo…….Serata nata e pensata nell’ambito della giornata di festa di quartiere organizzata da CentoCellule Tessiamo la rete – CentoCellule in festa”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti