Costituito tavolo tecnico area Flaminio-Villaggio Olimpico

Campidoglio: Obiettivo mettere a punto uno studio di fattibilità per progetto di rigenerazione della zona Flaminio-Villaggio Olimpico
Redazione - 8 Agosto 2020

Approvata dalla Giunta Capitolina la memoria che prevede l’istituzione di un tavolo tecnico interno per consentire la messa a punto di uno studio di fattibilità il cui obiettivo sarà l’avvio di un programma di rigenerazione e valorizzazione dell’area Flaminio – Villaggio Olimpico.

Il tavolo sarà composto dal Vice Direttore Generale dell’area Servizi al Territorio, Direttore del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, Direttore Dipartimento Sport e Politiche Giovanili, Direttore Dipartimento Mobilità e Trasporti, Direttore del Dipartimento Patrimonio; se necessario il tavolo potrà essere integrato da ulteriori strutture capitoline interessate e dovrà riunirsi con cadenze periodiche, verbalizzando gli incontri e riferendo direttamente alla Sindaca.

L’area in questione è caratterizzata da profonde trasformazioni urbane avvenute per le Olimpiadi del 1960 e si ritrova, attualmente, con alcune strutture di rilevante pregio come l’Auditorium accostate a edifici come lo Stadio Flaminio e il Palazzetto dello Sport che richiedono una riqualificazione che ne rispetti e valorizzi il carattere sportivo e monumentale.

Cassa Depositi e Prestiti e Istituto di Credito Sportivo hanno proposto dei possibili scenari di intervento e messo a punto una proposta di rigenerazione dell’area che è stata sottoposta, nei mesi scorsi, all’attenzione dell’Amministrazione Comunale.

Anche Roma Capitale è intervenuta, in particolare per il Palazzetto dello Sport è stata pubblicata la procedura aperta per i lavori di risanamento conservativo, che si è chiusa il 24/7 u.s.

La memoria intende ribadire la necessità di un forte intervento pubblico atto ad avviare uno scenario di rigenerazione urbana per rilanciare la zona in termini di nuova offerta di servizi sportivi, culturali e ricreativi.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti