Cresce indisturbato l’insediamento rom in via del Flauto-ingresso via Collatina Vecchia

Di fronte alla Stazione Togliatti, con annessa mega discarica. Una nuova fabbrica in piena regola
Alessandro Moriconi - 22 Maggio 2018
Abitare A Ottobre 2019

Le denunce del CdQ di Tor Sapienza sulle situazioni de degrado presenti nel territorio e nelle immediate vicinanze, sono ormai a cadenza giornaliera e per di più inviate praticamente a tutto lo schieramento della politica capitolina, a quella dei municipi Roma IV e V competenti per territorio e al Prefetto di Roma.

I CdQ e i residenti di Tor Sapienza, scottati anche dalle situazioni di degrado che insiste nell’area del campo Rom di via Salviati, dai fumi tossici che da li continuano ad essere liberati nell’aria tra l’indifferenza di chi si era impegnato ad impedirlo e non ultimo dalle decine di tonnellate di rifiuti di ogni genere ammassati ormai da mesi sui marciapiede di via E. Sansoni … risegnalano, inascoltati, il proliferare di micro e medi insediamenti, di fatto tollerati sia dai municipi che dall’amministrazione capitolina.

Altro che il mantenimento della promessa della Sindaca Raggi che puntava al superamento dei campi e al progetto che prevedeva il passaggio da campo a casa, strombazzato ai quattro venti.

Il far finta di nulla all’insediamento fa si che questo cresca a dismisura nel giro di pochi mesi, che si producano immense quantità di rifiuti e non ultimo la sicurezza che viene meno e le condizioni di vita in cui sono costretti a vivere interi nuclei familiari con bambini al seguito, privi dei servizi più elementari come l’acqua e la corrente e i bagni. Per non parlare che in queste situazioni inidonee alla categoria degli Umani è praticamente impossibile neppure ipotizzare per bambini ed adolescenti in età scolare  progetti di inserimento a percorsi scolastici.

La corrispondenza tra CdQ e Commissione Permanente Capitolina sull’ambiente è ormai alta quanto un volume enciclopedico. Le risposte però sono quasi inesistenti se non fosse per la richiesta di un preventivo di spesa che da pochi quintali delle prime denunce e segnalazioni (tutte documentate fotograficamente) ha ormai, come già detto, le decine e decine di tonnellate,,,,tanto si sa, a pagare è pantalone.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti