Dalla Regione 14 milioni per interventi di recupero

Di 38 edifici pubblici di pregio (ex caserme, chiese storiche, torri medievali e castelli) in diversi comuni
di Franco Leggeri - 18 Ottobre 2009

Parte il recupero di 38 edifici pubblici di pregio siti nei vari Comuni della Regione altrimenti destinati all’abbandono. La Giunta regionale ha approvato , il 23 settembre scorso, una delibera che finanzia con poco meno di 14 milioni di euro la ristrutturazione di ex caserme, chiese storiche, torri medievali e castelli. I finanziamenti saranno disponibili nel triennio secondo quanto stabilito dalla finanziaria regionale.

Il Presidente Marrazzo ha dichiarato: ” Si salva il patrimonio storico e culturale dei Comuni e nel contempo si alimenta quel circuito virtuoso di investimenti e lavoro necessario per contrastare gli effetti negativi della crisi sull’economia e il tessuto sociale del Lazio. Le nostre azioni hanno permesso di evitare al sistema produttivo della Regione Lazio conseguenze devastanti ed ha contribuito a creare le condizioni per uscire dal tunnel e poter approfittare più di altri della mite ripresa prevista nel 2010”.

Le domande pervenute da parte degli Enti 216 sono state ritenute ammissibili , mentre 138 sono state ritenute non ammissibili.L’Assessore ai LL.PP. On. Bruno Astorre ha dichiarato:” A fronte di tali richieste si è deciso di autorizzare il finanziamento fino alla spesa massima complessiva di 9.060.005 €, somma ripartita nel triennio 2009/2011, di cui 760.00€ nel corrente esercizio finanziario e 4.424.650€ per ciascuno degli esercizi finanziari 2010 e 2011. Al tempo stesso – prosegue Astorre – del predetto finanziamento complessivo si è inteso dedicare il 43% ai piccoli Comuni (meno di 5000 abitanti), con una tolleranza dello 0,25 per eventuali arrotondamenti. Inoltre, si è voluto effettuare un abbattimento del 15% dell’importo finalizzabile per le richieste superiori a 100.000€, oltre che limitare il massimo del finanziamento a 400.000€ per ciascun intervento.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti