Diventare maggiorenni nel 2020

Quello in corso sarà ricordato come l’anno del lockdown. Il Covid-19 ha stravolto le abitudini degli italiani di tutte le età ma la voglia di ripartire vince sulle paure
S. M. - 7 Luglio 2020

Un anno terribile non è solo il titolo di un celebre romanzo di John Fante (edito da Einaudi), è l’espressione più diffusa nei luoghi di ritrovo amati dai cittadini romani. A proferire queste parole sono proprio gli assidui frequentatori di bar, ristoranti e locali che timidamente hanno riaperto i battenti post quarantena.
Il Covid-19 ha lasciato segni importanti nella nostra società: dall’economia alla psicologia individuale nulla (o quasi) sarà come prima.

Per i giovani adulti il 2020 sarà ricordato come l’anno della DAD, della maturità in sordina, dei festeggiamenti rimandati.

Ancora una volta però la voglia di ricominciare a Vivere, con la V maiuscola, è più forte della paura.

Dopotutto il significato profondo del diventare maggiorenni è proprio affrontare con maturità gli eventi della vita, i periodi si e i periodi no, con consapevolezza ed energia.

Sono i momenti particolari della vita di una persona e di una collettività intera a segnarne l’evoluzione, ognuno con il suo cammino verso la consapevolezza che la vita va vissuta pienamente, condividendo la gioia di un traguardo, come un compleanno, il diploma, la patente… con positività e voglia di ricominciare più forti di prima.

 

Celebrare un rito di passaggio così importante come il compleanno di 18 anni acquista un valore diverso, più profondo, ai tempi delle pandemie mondiali.

La condivisione non viene spezzata dalla distanza di sicurezza: tutti gli accorgimenti e le precauzioni anti contagio che i singoli possono attuare quotidianamente, sommati alle disposizione di legge e di buon senso messe in atto dalle singole attività rendono le feste 18 anni sicure, soprattutto nel Lazio.

18 anni nel 2020: la scuola e il futuro

Per i neodiciottenni è arrivato il momento di riconquistare i propri spazi, festeggiare i traguardi in sicurezza e guardare al futuro con occhio più consapevole.

Tra le iniziative di sostegno economico per chi compie i 18 anni nel 2020, la più importante e più discussa è il bonus cultura, un buono di 500 euro destinato ai residenti in Italia che hanno compiuto 18 anni.
Il bonus cultura è spendibile per beni e attività prettamente culturali come libri, biglietti per concerti, mostre, fiere, musei, spettacoli teatrali e cinematografici.

E’ possibile richiederlo in via telematica sul sito 18 app, per chi ha compiuto i 18 anni nel 2019 e chi li compie nel corso del 2020.
Una bella opportunità che secondo le dichiarazioni del Governo sarà disponibile anche nel 2021, seppur con un un importo minore.

Purtroppo con il bonus cultura non è possibile acquistare pc, tablet e smartphone per la tanto chiacchierata DAD, ovvero la didattica a distanza, che ha fatto disperare una generazione di maturandi.

Per chi ha conseguito il diploma nel 2020 con il massimo dei voti c’è anche la borsa di studio per studenti meritevoli messa a disposizione del Ministero dell’Istruzione.

Buona estate a tutti!

S. M.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti