Due libri di Pasquale Donnarumma

La presentazione al Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina a Porta San Pancrazio 

Ancora un evento interessante al Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina a Porta San Pancrazio. Presentazione dei due libri “P di Partigiano” e “P di Prigioniero” di Pasquale Donnarumma, sabato 14 ottobre 2023 alle ore 16. (VEDI LOCANDINA)

Situata sull’altura del Gianicolo nel perimetro delle Mura Gianicolensi, l’attuale Porta San Pancrazio fu costruita nel 1854-57 dall’architetto Virginio Vespignani sulle rovine della porta realizzata da Marcantonio De Rossi nel 1648 e semidistrutta durante le vicende belliche del 1849. A sua volta la porta seicentesca aveva sostituito l’antica porta Aurelia che si apriva nel recinto delle Mura Aureliane in posizione leggermente arretrata rispetto a quella odierna.

Luogo fortemente evocativo dei fatti, la porta costituisce anche un punto privilegiato di lettura dell’area storico-monumentale del Gianicolo che di quella dura battaglia conserva a oggi ampia memoria a livello monumentale.

Il 19 aprile 1951, l’Amministrazione cittadina consegnò i locali all’Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini per la realizzazione del Museo. Nel contempo fu avviato l’ordinamento dei materiali e della documentazione per la costituzione del Museo che è stato aperto al pubblico nel 1976 con due sezioni: la prima riguardante la Storia garibaldina risorgimentale e la seconda la Storia e vicende della Divisione italiana partigiana Garibaldi. www.anvrg.org

Sono questi due romanzi storici scritti da Pasquale Donnarumma, ispirati alle vicende del nonno, giovane Irpino, soldato della Guardia di Finanza in Montenegro, divenuto partigiano nella Divisione Italiana Partigiana Garibaldi dopo l’8 settembre ’43 e poi prigioniero di guerra IMI dei nazisti e poi dell’Armata Rossa. 

I documenti e gli appunti con i quali Donnarumma ha ricostruito la storia del nonno, e dato vita ai romanzi, sono stati rinvenuti in una vecchia scrivania con un doppio fondo segreto soltanto dopo la morte dell’uomo e i libri sono anche frutto della decennale ricerca dell’autore.

P di partigiano di Pasquale Donnarumma – Editore: Delta 3

8 settembre 1943. L’Italia firma l’armistizio con gli Alleati e per i militari in Montenegro e Sangiaccato è un fulmine a ciel sereno. La catena degli ordini superiori si sfalda, l’esercito è sbandato e il pericolo che la declamata pace sia solo il preludio di una nuova guerra è sempre più consistente. I generali delle divisioni Venezia e Taurinense chiedono a ognuno di fare la propria scelta e di prendere le armi contro i nazisti. Tra agguati di milizie cetniche e musulmane e un rapporto diplomatico con i partigiani di Tito tutto da costruire, in una terra già frammentata da divisioni etniche e religiose, si snodano le vicende dei protagonisti della resistenza italiana fino alla costituzione della divisione Garibaldi. P è un giovane irpino arruolato nella Guardia di Finanza, pronto a combattere per difendere la patria in una lotta impari, eroica e spietata.

Pasquale Donnarumma ha avuto l’onore di ricevere la medaglia per mio nonno, deportato a Minsk, lager 352, campo di concentramento nazista, dopo aver combattuto in un territorio spesso dimenticato perfino dalla storia ufficiale. Nel libro, le sue vicende personali si intrecciano con quella della Seconda Guerra Mondiale, e viene affrontato il percorso di un intero gruppo di soldati che, partito per difendere l’onore della patria fascista, finirà per stare in prima linea con i partigiani.

Segnalazione e organizzazione a cura di Fabio Pietro Barbaro Presidente della Sezione di Roma di ANVRG Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini.

Per info – fabiop.barbaro@gmail.compresidente.roma@anvrg.org tel – 339.2700.328 facebook: ANVRG Sezione di Roma – 


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento