Emanuel Gat (FR) presenta la restituzione del “Summer Intensive Sharing!”

Per FUORI PROGRAMMA_Festival Internazionale di Danza Contemporanea, 31 luglio ore 19.00, Daf Dance Faculty
Redazione - 28 Luglio 2019
Abitare A Settembre 2019

Emanuel Gat (FR) presenta, il 31 luglio alle ore 19.00 presso il Daf Dance Faculty via di Pietralata 159/A, all’interno della programmazione di FUORI PROGRAMMA_Festival Internazionale di Danza Contemporanea con la direzione artistica di Valentina Marini, la restituzione del Summer Intensive Sharing! La performance dialoga con le sonorità live del musicista Molotoy.

Per il secondo anno consecutivo il progetto di studio intensivo con gli artisti della compagnia Emanuel Gat Dance e il coreografo stesso, si svolge a Roma.  In cinque giorni di full immersion (dal 27 al 31 luglio) i danzatori selezionati approfondiscono il metodo e la ricerca del famoso autore anche attraverso l’esperienza dei suoi storici collaboratori Sara Wilhelmsson e Michael Loehr. Il processo laboratoriale è strutturato in modo da costruire attraverso e con gli artisti presenti una pièce, concepita appositamente per gli spettatori di Fuori Programma, il 31 luglio presso gli studi del Daf Dance Arts Faculty.

“Se la danza non reagisce, è silenziosa, insensata, senza cervello, arbitraria, limitata, artificiale, meccanica, automatica. L’unico modo in cui linee separate di danza diventano coreografia, è attraverso il loro essere una ‘reazione a’ (qualunque cosa richieda reattività). Una risposta a una sfida, che non lascia come memoria un residuo cumulativo.

Una scoperta di momento in momento, un emergere di intenzioni al di là delle autoproiezioni. Danzare (in un contesto coreografico) è una risposta a una domanda. È la soluzione ad un problema. Un atto di reciprocità tra situazione e (ri-)azione. Guardare, osservare, elaborare, elaborare, prendere una decisione, muoversi (idealmente, tutto questo accade allo stesso tempo).”  Emanuel Gat

Fuori Programma, con la direzione artistica di Valentina Marini, alla sua quarta edizione torna in scena nell’estate 2019 appunto con un “Fuori Programma” tracciando un itinerario di spettacoli e laboratori diffusi per la città. Dalla precedente sede del Teatro Vascello a Monteverde si sposta per abitare gli spazi del Teatro India, Teatro Biblioteca Quarticciolo, Daf Dance Arts Faculty. Dieci artisti provenienti dall’Italia, Germania, Francia, Spagna condividono con il pubblico visioni e creazioni che ci accompagnano dal 27 giugno al 7 settembre. Il Festival è prodotto da European Dance Alliance/Valentina Marini Management con il contributo di Regione Lazio- Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili , con il sostegno di Teatro di Roma , Teatro Biblioteca Quarticciolo e  CrAnPi.

Emanuel Gat israeliano di nascita ma residente da lungo tempo in Francia, è uno degli autori piu’ acclamati a liverllo internazionale. Il suo primo incontro con la danza risale all’età di 23 anni, durante un workshop condotto dal coreografo israeliano Nir Ben Gal. Pochi mesi dopo entra a far parte della Compagnia Liat Dror Nir Ben Gal, con la quale lavora  a livello internazionale.

Ha iniziato a lavorare come coreografo indipendente nel 1994.

Dieci anni dopo, Emanuel ha fondato la sua compagnia Emanuel Gat Dance presso il Suzanne Dellal Centre di Tel Aviv, con la quale ha creato diversi progetti tra cui “Winter Voyage” (2004) e “The Rite of Spring” (2004) , vincitore di  un Bessy Award, “K626” (2006) e “3for2007” (2007). Successivamente si stablisce in Francia  presso la Maison Intercommunale de la Danse a Istres. “Silent Ballet” (2008) è stato il primo lavoro creato in Francia, seguito da “Winter Variations” nel 2009 e “Brilliant Corners” nel 2011.

Nel 2013, Emanuel Gat inizia la collaborazione con il  Montpellier Danse Festival , per cui sarà artista associato dal 2016 al 2018, per il quale crea con la sua compagnia “The Goldlandbergs” , “Corner Etudes”, un’installazione fotografica “It’s people, how abstract can it get? “, “Plage Romantique”,  “SUNNY” , “TENWORKS (for Jean-Paul)” in collaborazione con il Ballet de l’Opera de Lyon, e “DUOS”, una serie di duetti presentati in diversi luoghi pubblici della città di Montpellier durante il festival.

Nel 2018, Emanuel collabora con il prestigioso Ensemble Modern e crea “Story Water” alla Cour d’Honneur durante il Festival d’Avignon: unendo 12 danzatori, 13 musicisti e un direttore d’orchestra, Story Water esamina lo spazio tra danza e musica, con Dérives 2 di Pierre Boulez per la prima volta in ambito coreografico. Emanuel è coreografo associato al Teatro Nazionale di Chaillot a Parigi dalla  stagione 2018-19 per tre anni.

Gat  è regolarmente invitato ad allestire i suoi lavori e a creare nuovi progetti  per compagnie di danza in tutto il mondo, tra cui il Paris Opera Ballet, Sydney Dance Company, ICK Amsterdam, Tanztheater Bremen, Le Ballet du Grand Théâtre de Genève, Ballet de Marseille, The Royal Swedish Ballet, Polish National Ballet, Ballet de Lorraine, Cedar Lake, Ballet British Columbia e Ballet de l’Opera de Lyon.

 

Molotoy

Il 2012 è l’anno del debutto di “The Low Cost Experience” (Modern life/Audioglobe). Il disco riscuote un buon successo di critica e pubblico, MOLOTOY condivide il palco con artisti del calibro di Nosaj-Thing, Pelican, Civil-Civic, Bud Spencer Blues Explosion e Mokadelic. I brani godono di diversi passaggi radiofonici nazionali e internazionali, come RaiRadio2 (Musical Box), Radio Brussel, RaiRadio3, Radio Rock e circuiti indipendenti.

Il 27 Ottobre 2016 esce “The Most Intelligent Child” (Kibumi Records), un album di forte impatto che s’inserisce in un contesto ambient-elettronico, segnando il passaggio definito ad un approccio più performativo e sperimentale.

Ne nasce un tour in cui un sistema auto- costruito di luci al led incontra suoni e immagini creando scenari di sincronia ossessiva e quotidiana. Nel 2017-2018 comincia un periodo di esperimenti sonori e collaborazioni con artisti internazionali legati al mondo della danza contemporanea: Dunja Jocic, Idan Sharabi

e Dor Mamalia su tutti. Installazioni tenute presso contesti accademici e museali (MAXXI,Macro) e la fruttuosa partnership con l’artista statunitense John Pomara (East Texas State University, Horton Gallery, NY).

 

 

Daf Dance Arts Faculty

c/o Lanificio

via di Pietralata, 159/A

Info e prenotazioni

+39 06 69426222

+ 39 347 8312141

fuoriprogrammafestival@gmail.com

Biglietti

2€

Come raggiungerci

Bus 211


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti