Energia solare: 17 milioni di euro di finanziamenti dalla Regione Lazio

Agli incentivi statali del nuovo Conto Energia, si affiancano fondi regionali e nuovi prodotti bancari ad hoc
di Claudia Tifi - 29 Novembre 2007

Usare l’energia solare come fonte energetica diventa più semplice e più conveniente. Con il nuovo Conto Energia le procedure per accedere agli incentivi sono meno complicate, inoltre a questi incentivi statali si affiancano i fondi regionali e nuovi prodotti finanziari creati ad hoc da alcune banche con cui è possibile finanziare fino al 100% dei costi degli impianti.

Questo è quanto emerso dal Convegno “Le energie alternative oggi disponibili: l’energia solare”; organizzato dall’Associazione Microcosmi e dal Gruppo Maurizi, si è svolto mercoledì 28 novembre 2007 alla Regione Lazio con il patrocinio dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio, del Consiglio Nazionale dei Chimici e dell’Ordine dei Chimici.

“Tra fondi regionali, nazionali ed europei, dal 2006 fino al 2013, la spesa complessiva per le fonti rinnovabili sarà di 164 milioni di euro” – ha detto Filiberto Zaratti, assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione, intervenuto al convegno.
Tra febbraio e marzo 2008 partiranno i primi bandi dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio diretti a finanziare investimenti gli impianti fotovoltaici.  “ Alle piccole e medie imprese laziali – ha continuato Zaratti – sono destinati il 50% degli stanziamenti, il restante 50% andrà agli enti locali. Per i privati cittadini è previsto un fondo di rotazione che partirà a dicembre per finanziare, in conto interesse, investimenti per fonti rinnovabili ed efficienza energetica. I 15 milioni di investimenti saranno gestiti da Sviluppo Lazio che si accollerà gli interessi o il rischio dei mutui per gli investimenti.

Il capitale speso per impianti di piccole o grandi dimensioni, sia per piccole utenze domestiche che per grandi aziende, si può recuperare ad impianto avviato attraverso un incentivo statale erogato dal Gestore dei Servizi Elettrici. L’ente del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che opera d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico, paga in base all’energia prodotta.

Con l’entrata in vigore, il 13 aprile 2007, della delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) tutti, privati e aziende, possono installare impianti fotovoltaici e diventare produttori di energia da utilizzare in proprio o rivendere all’Ente gestore della rete o sul libero mercato per una potenza incentivabile complessiva di 1.200 MW.
Il nuovo ‘conto energia’ rientra nella seconda fase per il fotovoltaico, varata con il DM 19/2/2007: si tratta di procedure più snelle e semplificate per richiedere l’incentivazione al GSE. L’energia elettrica prodotta da un impianto oggi viene remunerata per 20 anni dal GSE e l’incentivo va da 0,36 euro a 0,49 per ogni Kwh prodotta, a seconda della potenza nominale.
Nel 2006 i 4.254 impianti in esercizio hanno prodotto 35 milioni di kilowattora dal fotovoltaico (+12,9% rispetto al 2005) per una potenza totale di 40,5 MW.

Le banche si fanno carico di risolvere le questioni tecnico-burocratiche e finanziarie attraverso nuovi prodotti finanziari creati ad hoc. “Si tratta di prodotti dedicati a supportare lo sviluppo del mercato fotovoltaico” – ha spiegato Marcello Paoli, responsabile marketing Piccole Imprese del Banco Popolare, – “sono rivolti sia a i privati che a imprese o anche condomini”
“Le durate di finanziamento sono superiori a quelle che si trovano nel sistema bancario –prosegue Paoli- sono fino a 15 anni, con spread molto competitivi in grado di soddisfare le esigenze sia di chi vuole installare un impianto che delle società installatrici, senza garanzie reali, né personali o in forma ipotecaria. L’importo finanziabile arriva fino al 100% del valore dell’impianto e per i privati è inclusa anche l’Iva. Inoltre c’è la possibilità di una polizza assicurativa che copre sia i danni diretti che indiretti”.

Nel Lazio si trova uno dei tre centri di ricerca esistenti al mondo sulla tecnologia solare, è il Polo di ricerca sul Solare Organico Università di Roma ‘Tor Vergata’, finanziato per 6 milioni di euro dall’Assessorato Ambiente della Regione Lazio. Insieme a quelli in Giappone e in Germania, è uno tra i centri più all’avanguardia: è un segnale promettente per l’energia solare sul fronte della ricerca.
La Regione finora ha finanziato e installato impianti per 3 MW di potenza complessiva, di cui 10 milioni di euro destinati a 76 impianti fotovoltaici realizzati sugli edifici scolastici di scuole e istituti secondari delle 5 province della Regione, per un totale di 1 Megawatt di potenza complessiva.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti