“Fotografandoci” al Complesso del Vittoriano

Immagini che raccontano 60 anni di vita italiana
di Patrizia Miracco - 21 Ottobre 2011

Dal 20 ottobre all’11 dicembre 2011 centinaia di foto, prelevate tra gli oltre 4 milioni e mezzo di immagini dall’archivio dell’Ansa, sono in mostra al Vittoriano. “Fotografandoci” propone 60 anni di vita italiana con immagini che dagli anni ’40 ad oggi raccontano episodi, fatti e persone, che hanno fatto la storia degli ultimi anni. La mostra è divisa per decenni. Ogni decennio è introdotto da un’immagine femminile scelta come simbolo del periodo e da un testo a firma di un testimone dell’epoca:

Giulio Anselmi, presidente dell’Agenzia dichiara: “Questa mostra racconta sessant’anni di vita italiana attraverso gli occhi dei fotografi dell’Ansa: racconta una parte rilevante delle immagini che la più grande agenzia del Paese ha trasmesso dal 1945 a oggi per documentare il vorticoso cambiamento del mondo”.

“Le fotografie che vedrete, – prosegue Anselmi – si tratti di singoli volti o di manifestazioni di massa, di tragedie o di avvenimenti sportivi, siano incise nella memoria collettiva o rinnovino emozioni dimenticate, sono particolarmente rappresentative di un periodo storico. Lo abbiamo scandito, decennio per decennio, con le figure femminili che ce ne sono apparse le icone. Come per il notiziario scritto, anche per le foto crediamo sia possibile parlare di uno stile Ansa: impegnato a rispettare la realtà senza forzature e senza eccessi di spettacolarizzazione”.

Una sezione è dedicata anche al 2011 con la sua realtà in divenire, aggiornata in tempo reale per tutta la durata dell’esposizione.

“Fotografandoci” può essere visitata su iPad e iPhone, scaricando gratuitamente l’applicazione da Apple Store.

Per informazioni: www.ansa.it o 06.69202049.

E’ possibile visitare la mostra dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 18.30, il venerdì, il sabato e la domenica dalle 9.30 alle 19.30. L’ingresso è gratuito ed è consentito fino a 45 minuti prima dell’orario di chiusura.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti