Gaia De Laurentiis e Gabriella Silvestri al Teatro Roma

In una commedia di Luigi Magni, La santa sulla scopa. In scena dal 19 febbraio
di Riccardo Faiella - 14 Febbraio 2013

Il suo marchio di fabbrica sono le commedie ambientate nella Roma papalina e risorgimentale. Il film "Nell’anno del Signore" del 1969, è stato il suo grande successo. Poi seguiranno "La Tosca" e "In nome del Papa Re". Per il teatro ha realizzato tre lavori ben riusciti, degni di ammirazione: Rugantino (1962), Gaetanaccio (1978), con protagonista Gigi Proietti, e I sette re di Roma (1989).  Anche "La santa sulla scopa", in programmazione dal 19 febbraio al 10 marzo al Teatro Roma, di via Umbertide, è una scrittura del grande regista Luigi Magni. A portarla in scena saranno Gaia De Laurentiis e Gabriella Silvestri. La regia è affidata a Renato Giordano.

La storia racconta dell’incontro tra una presunta strega e una suora. Siamo nella seconda metà del XVI secolo, nell’età della Controriforma. La Chiesa ribadisce i suoi dogmi, individua i nemici e li punisce con una inaudita violenza. Durante i festeggiamenti della notte di San Giovanni, una strega di nome Silvestra, avvolta di soli stracci, è rinchiusa in attesa di essere giustiziata sul rogo. Nelle sue ultime ore viene ad assisterla una suora, Apollonia, della confraternita della Consolazione delle Grazie. È un incontro-scontro, tra zuffe e inganni, fino a trasformarsi in una inevitabile, anomala e tenerissima solidarietà. La strega e la suora sono due espressioni dello stesso riscatto femminile. Una favola che mostra il dualismo tra il bene e il male, accostando il sacro e il profano, dove Magni immagina che la suora e la strega siano il completamento l’una dell’altra. E ce lo racconta nella sua lingua, quella romana, solida, sorniona, beffarda, carica di umori, di odori, di sfumature. Una lingua teatrale pura, straordinariamente comica ed espressiva.

Spettacoli: mar-ven ore 21; sab ore 17 e 21; dom ore 17.30
Biglietti: intero 21 euro; ridotto 13-16 euro
INFO: 06 7850626 – www.ilteatroroma.it
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti