Il 27 marzo torna “Heart Hour”: un’ora al buio per aiutare il Pianeta

Dalle 20:30 alle 21:30 durante l’evento di sensibilizzazione del WWF saranno spente, in tutto il mondo, le luci di monumenti, strade, piazze, palazzi istituzionali e privati
Ambra Di Chio - 15 Marzo 2021

Sabato 27 marzo ritorna l’appuntamento con “L’Ora della Terra” (“Heart Hour”) – l’evento di sensibilizzazione promosso dal WWF, su scala mondiale, per richiamare l’attenzione pubblica sulla crisi climatica. L’iniziativa si basa sul gesto simbolico di spegnere per un’ora (dalle 20:30 alle 21:30) le luci di monumenti, strade, piazze, edifici istituzionali e privati – per lanciare un chiaro segnale, a livello globale, sulla necessità di salvaguardare l’ambiente.

“Heart Hour” è partita nel lontano 2007, coinvolgendo allora la sola città di Sidney e nel corso degli anni si è poi diffusa rapidamente in ogni angolo del pianeta. Durante tutte queste edizioni, tanti luoghi simbolo delle città sono stati lasciati completamente al buio per un’ora: dal Cristo Redentore di Rio, alla Torre Eiffel di Parigi fino al Ponte sul Bosforo. La città di Roma parteciperà anche quest’anno all’appuntamento con l’“Ora della Terra”, “spegnendo” emblematicamente il Colosseo e San Pietro. A dimostrazione del successo riscontrato da quest’iniziativa, è sufficiente pensare che l’edizione del 2020 ha potuto contare sull’adesione di 190 Paesi (con oltre 2 milioni di monumenti ed edifici istituzionali e privati coinvolti), nonostante tutte le difficoltà causate dalle restrizioni dovute alla pandemia.

Per ulteriori informazioni, rimandiamo al sito ufficiale dedicato all’iniziativa (http://www.oradellaterra.org/ora-della-terra-wwf/) dove è stata pubblicata anche un’utile mappa che permette di consultare tutte le attività in programma in ogni città d’Italia. Finora sono stati circa 40 i comuni italiani che hanno risposto all’appello “Schieriamoci con la natura” lanciato dal WWF. In alcuni casi, la formula dello “spegnimento” sarà accompagnata anche da altre iniziative collaterali (compatibilmente con le limitazioni derivanti dalla pandemia). Inoltre, sarà possibile seguire l’evento anche sui Social Network attraverso gli hashtag correlati, tra cui segnaliamo: #HeartHour e #Connect2Earth.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti