Il Complesso del Vittoriano ospita ‘Razzia degli ebrei di Roma’

Documenti inediti, foto e oggetti in ricordo del 16 ottobre 1943, giorno della deportazione degli ebrei di Roma
di Patrizia Miracco - 19 Ottobre 2013

Il Complesso del Vittoriano ricorda il settantesimo anniversario della deportazione degli ebrei di Roma con la mostra: “16 ottobre 1943. La razzia degli ebrei di Roma”. Dal 17 ottobre al 30 novembre 2013 il Vittoriano ospita: documenti, foto e oggetti che testimoniano i drammatici eventi vissuti in quei giorni dalla comunità ebraica di Roma. In poche ore, nella mattinata del 16 ottobre 1943, gli ebrei furono arrestati in 26 zone d’azione da oltre 360 uomini delle forze di occupazione naziste. Degli 8000 ebrei di Roma, i nazisti ne deportarono circa 1000 e di quei 1000 solo 16 sono sopravvissuti e tornati.

Unknown-1“Rappresentare una delle vicende più tragiche della storia – dichiara Riccardo Pacifici, presidente della Comunità Ebraica di Roma – è un’impresa, una sfida per gli storici, i testimoni, le istituzioni e la società tutta. Roma è stata protagonista di una delle più terribili cronache che la nostra Italia possa ricordare . Il 16 ottobre del 1943, all’alba, quando in molti ancora dormono sotto le proprie coperte, gli ebrei romani sono stati svegliati dalla furia nazista”.

Lungo il percorso espositivo sono stati ricostruiti, grazie a documenti inediti, le biografie e i volti dei persecutori e delle vittime di quei giorni. Sono gli oggetti e i documenti che raccontano la storia delle famiglie e le vite dei nazisti, le loro decisioni sanguinarie e i loro dialoghi.

La mostra si conclude proponendo oltre 300 volti di ebrei vittime della razzia. Le immagini provengono dall’Archivio del CDEC, da quello della croce Rossa internazionale di Bad Arolsen e dalla raccolta di documenti presenti nella Fondazione della Shoah di Roma.

Info mostra: dal lunedì al giovedì 9.30 – 18.30; venerdì, sabato e domenica 9.30 – 19.30. L’accesso è gratuito ed è consentito fino a 45 minuti prima dell’orario di chiusura. Telefono 06/6780664.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti