Il Coordinamento Roma ciclabile è contrario alle moto sulle preferenziali

Perché "L’impatto delle moto sarebbe positivo per la sicurezza dei motociclisti ma sicuramente negativo per la fluidità del trasporto pubblico"
riceviamo e pubblichiamo - 4 Febbraio 2010

Riteniamo il progetto dell’Amministrazione comunale di aprire una parte delle corsie preferenziali al transito delle moto in netto contrasto con una seria politica di sostenibilità della mobilità urbana. Senza nulla togliere agli aspetti positivi delle moto per il traffico (ma anche ricordando gli impatti negativi: inquinamento dell’aria e acustico, pericolosità), vogliamo ricordare che la priorità assoluta rimane il trasporto pubblico, e poi le altre forme di mobilità sostenibile, quella pedonale e quella ciclabile. L’impatto delle moto nelle preferenziali sarebbe positivo per la sicurezza dei motociclisti ma sicuramente negativo per la fluidità del trasporto pubblico. Persino il presidente dell’ACI lo dice. Qualsiasi azione che va a ridurne anche di poco l’efficienza, in una situazione di già grave inefficienza, è inaccettabile.

Ci piacerebbe che l’amministrazione dimostrasse maggiore attenzione per quei cittadini che camminano o usano la bicicletta per spostarsi in città, che sono, loro si, veramente a rischio grave, mentre contribuiscono a migliorare la qualità dell’ambiente urbano per tutti.

Siamo contrari a questo progetto; se comunque verrà perseguito chiediamo che questo sostegno alla mobilità insostenibile sia compensato con azioni e investimenti altrettanto o più significativi sulla mobilità sostenibile. Ad esempio impegnandosi a realizzare, contestualmente, altrettanti chilometri di percorsi ciclabili protetti quanti sono quelli delle preferenziali aperte alle moto.

Chiediamo che l’Assessore all’ambiente, che si è impegnato a sostenere il Piano Quadro della mobilità ciclabile, dia un segnale forte in questo senso, si esprima contro questa decisione, con la rapida approvazione del Piano e la sua concreta attuazione.

Roberto Pallottini
Portavoce del coordinamento Roma ciclabile

Il Coordinamento delle Associazioni Cicliste e Ambientaliste si è costituito il 3 aprile del 2002 e ad esso aderiscono:
eAdessoPedala – Associazione Diritti Pedoni – U.S. ACLI – Associazione Due Ruote d’Italia – Associazione BLUE & GREEN Federata F.I.E. (Federazione Italiana Escursionismo) – Circolando Idee in Movimento – Comitato Bike Sharing Roma – Consorzio Casale Monte Boccaleone – FAO Staff Coop CYCOM – Federazione Ciclistica Italiana Lazio – Insieme per l’Aniene – Istituto Nazionale di Urbanistica INU Lazio – Italia Nostra Lazio – Legambiente Lazio – Lega Ciclismo UISP Roma – Pedalando Roma – Pedale Verde – Sherwoodroma BicieBike – Università Popolare dello Sport UpterSport – VediRomaInBici


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti