Il degrado continuo dei parchi a San Paolo

Tra via Giustiniano Imperatore, via Tito e via Galba, quattro passi tra cartacce, carrelli della spesa e bottiglie
di Mauro Carbonaro - 2 Agosto 2009

A poche centinaia di metri dalla Garbatella e dal parco FAO, negli ultimi anni completamente riqualificato e reso agibile per giovani e anziani, tra la zona di via Giustiniano Imperatore, via Galba e via Tito, sempre più stabilmente fuori controllo la situazione dei parchi e delle strade limitrofe.

Una condizione che definire di “degrado” non sembra eccessivo, visto il continuo disinteresse verso una zona che da anni, al di fuori dei lavori presenti in via Costantino, per uno dei tanti alberghi dell’area, non sembra rappresentare una priorità dal consiglio del Municipio.

Pochi passi a piedi, partendo da via Giustiniano Imperatore, si incontrano contatori telefonici divelti, cartacce sui prati, bottiglie, con l’erba che in alcuni punti arriva anche a 40 centimetri d’altezza.

Camminando sempre per via Giustiniano Imperatore, spostandosi verso la metro San Paolo, persino carrelli della spesa incrociano lo sguardo dei passanti e dei residenti, creando uno sfondo, vicino i condomini abitati, a dir poco desolante.

Ai consiglieri municipali chiediamo quindi una maggior attenzione, un maggior interesse verso quella porzione di Municipio spesso lasciata a se stessa, che con il passare delle stagioni sta divenendo sempre più degradata.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti