Il marinaio, approda all’Ar.Ma Teatro

Il testo di Fernando Pessoa, con la regia e l’adattamento di Deborah Massaro, in scena il 24 e 25 novembre e l’1 e 2 dicembre, in via Ruggero di Lauria
Riccardo Faiella - 21 Novembre 2018

Considerato, insieme a Pablo Neruda, uno dei massimi esponenti del XX secolo, Fernando Antonio Nogueira Pessoa (Lisbona 1888-1935), scrisse “Il marinaio” in una sola notte, nell’ottobre del 1913. Il 24 e 25 novembre, e in replica l’1 e 2 dicembre, il dramma in atto unico viene portato in scena da Deborah Massaro, all’Ar.Ma Teatro.

Il testo narra la notte di veglia a un’amica morta, da parte di tre figure femminili sedute sole, in una stanza del castello. Prive di identità e di memoria, le donne sono destinate a vivere solo la breve parentesi di quel crepuscolo. E per sentirsi reali, senza il timore di dissolversi alle prime luci dell’alba, raccontano i propri sogni e le proprie visioni di una vita possibile. Una di loro narra la storia di un marinaio che, naufragato in un’isola deserta, comincia a sognare un passato e una terra d’origine mai avuti, cullato dal sogno di costruirsi una nuova patria per riuscire a sopportare il dolore di vivere. Il sogno diviene l’unica dimensione felice possibile. E le tre donne, creature che vivono in una dimensione senza tempo, sognano esse stesse, il marinaio. Solo a questo punto il protagonista potrà abbandonare l’isola su cui ha fatto naufragio, per dissolversi nel nulla.

Un’opera poetica, simbolica, astratta, che fonde la percezione del linguaggio a un’atmosfera onirica potente, capace di dare un profilo a elementi, come la luce della notte, il sonno, il sogno e la memoria, vera o immaginaria che sia.

AR.MA TEATRO, via Ruggero di Lauria 22

24-25 novembre e 1-2 dicembre: IL MARINAIO, di Fernando Pessoa

con: Deborah Massaro, Sofia Boriosi, Debora Pisano

regia e adattamento teatrale: Deborah Massaro

Spettacoli: ore 21 (domenica ore 18)

Adotta Abitare A

Biglietti: 12 euro

INFO: 06.39744093 – info@capsaservice.it

 

Riccardo Faiella

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti