La maschera der Ghetanaccio

Fino al 2 dicembre al Teatro Greco
Redazione - 26 Novembre 2018

La maschera del Ghetanaccio andrà in scena al teatro Greco di Roma dal 23 novembre al 2 Dicembre.

Diretto da Emiliano Sciullo scritto e interpretato da Claudio Fabi con testi e musiche di Avio Focolari e Emanuele Puleio.
È una commedia musicale Romana che vede tra i protagonisti Claudio Fabi, Avio Focolari, Anna Sollinger.

Protagonista assoluta una Roma incantata che diventa veicolo di un tempo che scorre magicamente tra passato, presente e futuro.

La storia è quella del più famoso burattinaio di Roma Gaetano Sant’Angelo che attraverso i suoi pupazzi lotta, combatte le ingiustizie sociali.
L’arte a servizio della diffusione del pensiero di uguaglianza. Non mancano colpi di scena, amore e risate.

Alla base della creazione del testo c’è una ricerca profonda, dettagliata della storia del Ghetanaccio, personaggio realmente esistito.

“La maschera der Ghetanaccio” è una commedia musicale in stile romanesco al quale hanno collaborato oltre 30 persone, con splendide canzoni e musiche inedite, un corpo di ballo con 10 ballerini e scenografie con pedane rotanti e fondali scorrevoli. 

Teatro Greco

Via Ruggero Leoncavallo, 10, tel. 06 8607513

La critica

Siamo stati a vedere lo spettacolo sabato 24 novembre e possiamo parlare solo bene di ciò che abbiamo visto, anzi di tutto ciò che abbiamo visto perché di cose da osservare durante l’ora e quaranta minuti di spettacolo sono veramente tante.

Seduti dalle comode poltrone azzurre del Teatro Greco abbiamo visto molti cambi di scena, tanti gli attori che si danno il cambio, addirittura un corpo di ballo e come se lo spettacolo non fosse già godibile così abbiamo anche potuto ascoltare delle canzoni preparate appositamente per “La maschera der Ghetanaccio”.

Già più di 1000 sono le persone che hanno assistito a questa nuova opera teatrale ed un altro migliaio lo faranno il prossimo week end, ma cari Emiliano Sciullo, Claudio Fabi, Avio Focolari, Emanuele Puleio (e compagnia cantante) iniziate a programmare una nuova messa in scena per il 2019 che sarà un successo assicurato.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti