“La Serva Padrona” di Pergolesi arriva a Tor Bella Monaca

Mercoledì 12 dicembre 2012 al Teatro Tor Bella Monaca l'iniziativa dell'Associazione Roma Sinfonietta
Enzo Luciani - 10 Dicembre 2012

Per la prima volta l’opera arriva a Tor Bella Monaca. L’iniziativa è dell’Associazione Roma Sinfonietta, che ha in progetto di portare nell’estrema periferia della capitale altre opere di piccole dimensioni, sia del Settecento che contemporanee. 

Per compiere questo primo passo si è scelta la più famosa opera italiana del Settecento,"La Serva padrona" di Giovan Battista Pergolesi, che sarà rappresentata mercoledì 12 dicembre alle 21 al Teatro Tor Bella Monaca insieme ad altre musiche del compositore marchigiano. Nata come semplice intermezzo comico, la Serva padrona andò in scena per la prima volta a Napoli nel 1733 senza particolare successo, ma divenne un caso internazionale quando nel 1752 fu rappresentata a Parigi, dove scatenò una memorabile polemica tra gli illuministi, guidati da Rousseau e Diderot, che vedevano nella sua semplicità e immediatezza il preannuncio dei tempi nuovi, e i conservatori, che invece difendevano le vecchie convenzioni dell’opera di corte.

Con tre soli personaggi, di cui uno muto, Pergolesi racconta la convivenza forzata di un maturo padrone di casa con la sua giovane serva, i rapporti sono difficili ma tra i rimproveri e i litigi si fa strada un sentimento più tenero, che sfocia nel matrimonio. Cogliendo l’attualità di questa storia, la regia di Cesare Scarton l’ambienta ai nostri giorni, eliminando ogni residuo manierismo settecentesco e liberandone la pungente comicità.

Gli interpreti sono il soprano Damiana Mizzi e il baritono Dario Ciotoli, due giovani cantanti provenienti dall’Opera Studio dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, diretto da Renata Scotto. Con loro il mimo Nicola Ciulla. L’Ensemble Roma Sinfonietta è diretto da Fabio Maestri, che si è rifatto alle fonti originali per liberare la partitura dalle numerosissime alterazioni presenti nelle edizioni correnti.

La manifestazione è realizzata con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico e con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Spettacolo dal vivo, in collaborazione con il Teatro di Roma. 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti