Le problematiche del Cantiere Italgas Via Prenestina / Viale Serenissima

Lorena Vinzi, Coordinamento Fratelli d’Italia Municipio V - 2 Aprile 2022

Nel Municipio V è sempre la stessa storia, non manca nulla…nel senso dei problemi…a problema se ne somma un altro fino a non riuscire più a capire da dove iniziare per risolverne almeno uno, ed è così che i cittadini nel quadrante di Viale della Serenissima si trovano a fare un percorso ad ostacoli ogni giorno a causa dei lavori di ammodernamento della linea di distribuzione del gas metano che sta effettuando l’Italgas.

I Consiglieri Rinaldi e Platania del Gruppo di Fratelli d’Italia al Municipio V però non si sono arresi e sapendo che i lavori nel cantiere iniziati il 24/05/2021 sarebbero dovuti terminare il 24/09/2021, dopo aver acquisito notizie in loco, circa la sospensione del cantiere per diversi mesi a causa di ritrovamenti archeologici, hanno voluto vedere bene in questa ennesima storia di mala amministrazione.

I Consiglieri hanno così deciso di presentare un’Interrogazione al Presidente del Consiglio del Municipio elencando i molteplici problemi creati ai cittadini residenti ed ai commercianti a causa del cantiere esistente ormai da quasi un anno che limita la viabilità e impedisce l’accesso a via Prenestina laterale da via Prenestina centrale; non solo, l’attività del cantiere ha ripreso in data 01/02/2022 con durata prevista fino a fine aprile 2022 ma ai primi di marzo i cittadini hanno avuto l’ennesima sorpresa: è stata modificata l’area di cantiere con un allargamento della stessa che ha chiuso l’accesso a via Prenestina laterale da viale Serenissima , rendendo praticamente via Prenestina laterale non accessibile.

In tale situazione i Cittadini residenti al civico 359 ed al civico 365, alcuni dei quali anche con problemi di deambulazione, sono impossibilitati a raggiungere in maniera agevole le proprie abitazioni con le autovetture.

La situazione si presenta drammatica anche per le attività commerciali presenti nel tratto in questione in quanto risultano completamente escluse dal passaggio dei veicoli con evidenti danni economici che vanno a sommarsi a quelli causati dalla pandemia.

A ciò si sommano i problemi di sicurezza in quanto le stesse attività diventano oggetto di rapine.

Serve una viabilità provvisoria!

Rinaldi e Platania chiedono perché non sia stata prevista una viabilità provvisoria per ovviare almeno in parte a quanto sta accadendo, anche in considerazione del fatto che, essendo i lavori necessari, sembra che Italgas sarebbe pronta ad intervenire in tal senso su indicazioni del Municipio.

Possibile che il Presidente del Municipio e gli Assessori competenti che si dicono vicini ai cittadini non riescano a fare nulla?

Ci chiediamo perché ancora non sia stata programmata una riunione urgente con Italgas, la Polizia Locale di Roma Capitale e l’Uot del Municipio al fine di pianificare una serie di soluzioni urgenti per rendere meno impattante il cantiere che da programma si sarebbe dovuto protrarre fino ad aprile 2022, data poi spostata al 15 maggio.

Basterebbe studiare una viabilità provvisoria con la realizzazione di un accesso a via Prenestina laterale da Via Prenestina centrale.

È quanto è stato richiesto nell’Interrogazione presentata da Rinaldi e Platania che ad oggi non ha ancora avuto nessuna risposta.

Come se non bastasse, il sopralluogo fatto con l’Assessore ai LLPP nonché Vice Presidente del Municipio, Maura Lostia, ad oggi, non ha avuto nessun seguito. Il cantiere si protrarrà, se siamo fortunati fino al 15 maggio, altrimenti lascio all’immaginazione dei cittadini la data in cui verranno finiti i lavori.

Sarebbe poi stato utile se nella Commissione congiunta LLPP con Ambiente, richiesta dai Consiglieri Rinaldi e Platania, l’Assessore si fosse presentata per relazionare quanto di sua conoscenza. Avrebbe dato un bel segnale ai cittadini, alcuni dei quali avranno sicuramente votato per il suo partito.

Personalmente credo che, oltre al disagio al quale sono costretti i cittadini, cosa gravissima sia l’impossibilità dei mezzi di soccorso ad accedere, come sottolineato dai Colleghi di Partito, ma aggiungo: di chi sarebbe la responsabilità nel caso in cui ci fosse un’urgenza in tal senso? Non potrebbe la Giunta del Municipio attenzionare le criticità conseguenti a ciò? Si aspetta sempre l’episodio grave per poter intervenire? Ci auguriamo di no.

Auspichiamo che coloro che hanno la possibilità di governare questo territorio facciano il possibile per attenuare il disagio di tantissime persone che non meritano certamente il silenzio più assordante: l’indifferenza.

Lorena Vinzi, Coordinamento Fratelli d’Italia Municipio V

Ecce Vinum

Commenti

  Commenti: 1


  1. Mi chiedo ma quale interrogazione faranno visto che erano lì sul posto e hanno potuto sentire i problemi con le loro orecchie. Leggi su Facebook da parte di esponenti della maggioranza i ringraziamenti nei confronti delle opposizioni. Bah, come è diventata fumosa e capziosa questa politica!

    Trascrivo il Post su Fb: “Da POVERINI Capogruppo del Pd”:
    Oggi il Presidente della Commissione LLPPndel #Mun05 Giampiero Buttitta proprio non poteva venire e quindi ho preso il suo posto come componente della Commissione LLPP.
    Siamo andati tutti in esterna a visionare un tratto di fogna collassata nelle Case ERP di Via #Cherso ed abbiamo avuto un confronto serio con gli abitanti delle case ormai stremati, con i tecnici del #Patrimonio, del #simu, di #RisorseperRoma e con la Ditta che sarà incaricata delle prospezioni e lavori quando arriverà il turno di quel lavoro in base alle priorità.

    Poi siamo andati ad ispezionare i lavori del collettore gas tra via Prenestina e Serenissima che tanto sta facendo infuriare commercianti ed abitanti e congestionando il traffico
    Mi assumo la responsabilità di dire quello che da tempo andrebbe detto a Roma:

    📌 È tempo di porre correttivi coraggiosi all’operato delle Sovrintendenza/Soprintendenza nella gestione/controllo dei cantieri che vengono aperti a Roma

    Non possiamo tenere bloccati cantieri per mesi perché le Ditte incaricate dei lavori devono bloccare e pure pagare i lavori per recuperare ogni “coccetto” trovato…e i cittadini restano bloccati insieme al cantiere: #permesi

    A Roma non si possono fare garage sotterranei, non si possono interrare i cassonetti, tutti i lavori devono essere concordati con tutti gli uffici della Sovra/Sopra…e passano i mesi, gli anni
    A Milano scavano, costruiscono , sviluppano intere nuove zone
    Hanno le linee metro, sono una città europea…anche lì trovano reperti.
    Anche a #Perugia trovarono reperti, i lavori furono bloccati anche li ma andate a guardare cosa hanno fatto, cosa hanno realizzato in pochi anni
    Noi pure per cambiare i tubi del gas, con perdite importanti, dobbiamo aspettare le Sovra/Sopra..e ripassano i mesi..

    Massimo rispetto per tutti, massimo rispetto per la Storia e l’Antichità…ma troviamo il modo di sbloccare Roma.
    Roma ha bisogno di vivere

    Grazie anche ai colleghi della minoranza presenti all’esterna:
    Daniele Rinaldi Platania Patrizio Valentina Coppola #MassimoPiccardi

Commenti