Linee bus notturne: “M5S sempre più insensibile alle esigenze dei cittadini del X Municipio”

La denuncia di Giovanni Zannola, Margherita Welyam e Leonardo Di Matteo
Redazione - 2 Luglio 2019

La denuncia di Giovanni Zannola, Margherita Welyam e Leonardo Di Matteo arriva a seguito del riordino delle linee notturne determinato dall’Agenzia ‘Roma Servizi per la Mobilità’ lo scorso 10 giugno.

“E’ stato del tutto ignorato il piano approvato dal consiglio municipale nel dicembre 2014, frutto di un percorso che ha visto la partecipazione attiva di cittadini, comitati e associazioni – spiega l’ex-consigliere Di Matteo, relatore del progetto – e perdura l’isolamento notturno di quadranti come Infernetto, Casal Palocco, Axa-Malafede, Giardino di Roma e Ostia ponente, per i quali era stata invece contemplata l’estensione dell’attuale linea nME (ex N3) e l’attivazione di una nuova linea locale”.

“E’ assurdo che nella riorganizzazione del servizio di trasporto notturno non abbiano tenuto in considerazione le esigenze di chi vive nell’entroterra del X Municipio – afferma la consigliera Welyam – molte persone lavorano in centro e, purtroppo, non hanno la possibilità di tornare a casa con i mezzi privati. Inoltre, anche gli spostamenti interni da un quartiere all’altro restano pressoché proibitivi dopo la mezzanotte”.

“Ho richiesto la convocazione della Commissione capitolina Mobilità per rivedere i criteri del riordino delle linee bus notturne – annuncia il consigliere comunale Zannola, che aggiunge – avvieremo un’iniziativa popolare per pretendere l’attuazione del progetto che era stato concertato con i cittadini quasi cinque anni fa”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti