Tutto per Lola al Teatro de’ Servi

 
Mena Zarrelli - 30 Gennaio 2017

In scena fino a domenica 29 gennaio 2017 al Teatro de’ Servi di Roma in via del Mortaro, Tutto per Lola di Roberta Skerl ci ha fatto divertire e ci ha convinto.

La commedia che vede la regia di Silvio Giordani, ci racconta la storia paradossale di 4 ex prostitute in pensione, che hanno deciso di vivere insieme e di godere in tranquillità dei piaceri della terza età. Ma presto questa serenità sarà turbata da eventi imprevisti. Le donne iniziano a seguire le vicende di una giovane prostituta nigeriana che batte per strada di fronte il loro villino liberty, un tempo la loro casa di appuntamento. Qui osservano le dinamiche della moderna prostituzione per strada, in cui un nigeriano gestisce un giro di prostituzione, picchiando anche le ragazze se non guadagnano abbastanza. Alla fine per una strana serie di casi fortuiti, il nigeriano muore accidentalmente nel loro giardino e le quattro donne Ester, Lucia, Carla e Livia, devono sbarazzarsi del corpo… La polizia intuisce l’accaduto e attraverso il commissionario Mascari, sta addosso alle 4 donne, mostrando grande disprezzo per loro, ma anche qui non mancheranno le sorprese…

Commedia spumeggiante, dinamica, vivace in cui una tematica delicata e toccante come quella della prostituzione viene trattata con leggerezza ed ironia. Nonostante i continui spunti di riflessione offerti dal testo della Skerl,  la regia riesce a mantenere sempre un tono ironico, evitando di esasperare i toni.

Una formidabile Costantini nei panni di Ester, tiene l’attenzione costante del pubblico con la sua performance attoriale esilarante, facendo continua ironia sul proprio ex-lavoro. Poi ci sono Monica Guazzini (Lucia), Lorenza Guerrieri (Livia) e Lucia Rincalzone (Carla), ognuna in un ruolo ben caratterizzato e ben interpretato, in cui la recitazione, i costumi, gli accessori contribuiscono a delineare i personaggi. Si è rivelato un bravo interprete anche l’unico uomo della scena, quello di Mascari, Geremia Longobardo. Tutto è curato nel dettaglio, dall’ottima regia di Giordano. La scenografia ricostruisce un appartamento in stile liberty, il disegno luci e i cambi di scena rendono il prodotto finale, nel suo insieme, ben confezionato.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti