Macchinetta mangiaplastica anche nel mercato Trieste

Per favorire il riciclo delle bottiglie in PET
Redazione - 23 Novembre 2020

Proseguono nei mercati cittadini le attivazioni delle macchinette mangiaplastica per la raccolta e il riciclo delle bottiglie in PET e dopo la prima, attivata nel mercato della Magliana, arriva la seconda al mercato Trieste.

Il 23 novembre mattina la Sindaca Virginia Raggi l’ha inaugurata all’interno del mercato del Municipio II, nell’ambito dell’iniziativa “Riciclami al mercato… e sarai premiato!”, portata avanti con il consorzio Coripet, come previsto dall’accordo siglato a settembre con Roma Capitale.

Le bottiglie raccolte e riciclate avranno nuova vita, secondo la logica del “bottle to bottle”, in vista dell’obiettivo europeo fissato al 2025 di produrre bottiglie contenenti un 25% di PET riciclato (R-pet).

Come per il progetto analogo già sperimentato con successo nelle stazioni della metropolitana di Roma, è previsto un meccanismo premiale: i cittadini avranno diritto a 1 euro di sconto sulla spesa conferendo 100 bottiglie, a fronte di una spesa minima di 5 euro presso i banchi aderenti alla campagna.

Per avere un codice utente, basta scaricare l’app Coripet per Android e iOS, disponibile su Google Play e App Store, oppure richiedere la card Coripet presso il mercato.

Durante i primi giorni di attivazione, sarà presente del personale di Coripet per dare ai cittadini informazioni sulle modalità del progetto e sul funzionamento degli ecocompattatori: che tipo di bottiglie conferire, come farlo e come accumulare punti per ricevere lo sconto sulla spesa. Sono disponibili, inoltre, opuscoli informativi all’interno del mercato.

Nei prossimi giorni ed entro il mese di dicembre, oltre che a Magliana e Trieste, le macchinette mangiaplastica saranno attivate anche nei seguenti mercati di Roma: Prati, Grottaperfetta, Montagnola, Tuscolano III, Nuovo Cinecittà, Appagliatore, Laurentino, Latino, Casilino 23, Italia, Casal de Pazzi, Irnerio, Platani e Borgo Ticino.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti