Nuovi bus a metano per il quartiere di Tor Pignattara e il quadrante est della città

Raggi: "Potenziamo il servizio a Tuscolano, Pigneto, Tor Pignattara, Prenestino e Centocelle, collegandoli a diverse stazioni della metro C e alla rete ferroviaria regionale"
Aldo Zaino - 30 Ottobre 2019

15 nuovi bus a metano per il quartiere di Tor Pignattara e il quadrante est della città. La Sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, insieme all’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese, il presidente del Municipio V, Giovanni Boccuzzi e il presidente di Atac Paolo Simioni hanno presentato oggi i 15 nuovi bus ecologici arrivati nel deposito di Tor Sapienza. Fanno parte della fornitura di 227 mezzi acquistati su piattaforma Consip, fornitura che include 91 vetture a metano.

“Nuovi bus ecologici a servizio delle periferie. In questo caso potenziamo il servizio in quartieri come Tuscolano, Pigneto, Tor Pignattara, Prenestino e Centocelle, collegandoli a diverse stazioni della metro C e alla rete ferroviaria regionale. Ricordo che il prossimo anno arriveranno altri 97 nuovi autobus acquistati tramite Consip e che entro la fine del 2019 ne ordineremo altri per arrivare a oltre 700 nuovi mezzi. Andiamo avanti per rinnovare la flotta e ringiovanirla a vantaggio di tutti gli utenti del trasporto pubblico”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

“I nuovi bus a metano andranno a potenziare linee di collegamento importanti come la 412, a beneficio di tutti cittadini della zona. La nostra priorità è un trasporto pubblico rinnovato e a misura di utente. Per questo stiamo destinando, dopo un vuoto di investimenti durato anni, importanti risorse che consentono di ringiovanire un parco mezzi che sconta un’età media di oltre 12 anni per un rilancio vero e duraturo del servizio di trasporto pubblico”, aggiunge l’assessore alla Città in Movimento, Pietro Calabrese.

Le caratteristiche tecniche. La fornitura prevede complessivamente 227 bus, 116 a gasolio (euro 6) da 12 metri e altri 20, sempre a gasolio da 10 metri.
Le altre 91 vetture, da 12 metri, sono a metano.

I mezzi sono a due e tre porte, hanno tutti la pedana manuale e il posto per i portatori di disabilità e contengono fino a 109 posti (i 12 metri a gasolio).

Tutti i mezzi sono dotati di impianto antincendio, videosorveglianza, climatizzatori, sistema Avm di localizzazione e conta passeggeri, monitor multimediali e cartelli indicatori a led. I mezzi sono coperti da una garanzia di cinque anni.

Ma la notizia che la gente del quartiere si aspettava era la notizia del ripristino del bus 81. A questo proposito. con la soddisfazione di tutti è stata confermata da tutti e quattro gli oratori che a metà novembre 2019 la tradizionale linea bus 81 riprenderà servizio. Dopo le tante dimostrazioni della gente del quartiere finalmente il capolinea dell’81 quindi tornerà in Piazza Malatesta, in attesa che questa Piazza torni agli splendori di una volta (prima della stazione della Metro) come promesso dal Presidente Boccuzzi.


Commenti

  Commenti: 1


  1. QUANN’È CHE RIVEDEREMO L’81?
    (Sonetto sconfortato – Roma, 31 ottobre 2019)

    Quanno doverebbe da ssuccede ‘sta cosa finarmente umana?
    Dicheno a li quìnnici de ‘st’antra settimana!
    Oppuramente quanno sò pronti l’auti novi
    sempre si Virgina a ricompralli ce riprovi.

    Ma si se sbrigheno, fanno i seri
    e se fanno pijà la mano,
    come è ne lo stile der romano,
    prima de morì arzamo li bicchieri.

    Si tutto va bbene ner cammino,
    ha da succede a li quìnnici de Marino
    quanno, lo sai, c’è la festa a Ggenzàno
    o quanno d’inverno se miete er grano.

    A me m’hanno detto quanno spiga er sale,
    tutt’ar più a li trenta de febbràro;
    tanto p’ er popolo cojone è uguale
    e a penzà a ‘sta cosa me viè ssu l’amaro.

    (Carlo Nobili)

Commenti