Laboratorio Analisi Lepetit

Parchetto di Casale Rosso pulito dai ragazzi del Collettivo Giovanile

Alessandro Moriconi - 14 Dicembre 2020

I ragazzi del Collettivo Giovanile di Casale Rosso sono riusciti, intorno al progetto di ripulitura del Parchetto che si estende da via Franco Angeli a piazzale Pino Pascali, a radunare le forze sufficienti ad eliminare quintali di rifiuti rimasti all’interno dello spazio verde dalla realizzazione della nuova recinzione in Keller.

All’invito a partecipare fatto dai giovani del Collettivo hanno risposto alcuni residenti, gli attivisti del Gruppo Ambiente e Territorio LAC e volontari del Comitato che da anni lotta per  la realizzazione del Parco Lineare.

Centinaia sono state le bottiglie eliminate e gettate poi direttamente nella campane del vetro, e profilattici, stracci e rifiuti di ogni genere hanno riempito decine e decine di sacchi e che saranno portati via da Ama Spa.

Rimane purtroppo ancora qualcosa da fare e da rimuovere che però si trova al di fuori della nuova recinzione sul marciapiede del parcheggio CMB.

Si tratta di rotoli della rete sostituita e di materiali derivanti dalla posa in opera dei pali dell’illuminazione pubblica su un impianto tra l’altro in parte realizzato da oltre dieci anni e su cui insiste un impegno a farlo realizzare previsto anche da una Mozione di oltre un anno fa e e di cui il consigliere comunale Figliomeni ha avanzato richiesta di sollecito alcune settimane fa.

Di seguito una nota della LAC dopo il lavoro eseguito.

Il parco non sembrava così sporco inizialmente, ma a ben guardare era pieno di rifiuti soprattutto vicino alla recinzione.

Dopo la pulizia c’è stato anche spazio per un piccolo e meritato spuntino.

Adotta Abitare A

Vorremmo Casale Rosso non fosse solo un quartiere dormitorio. Rendere il parco pulito e fruibile dagli abitanti è un primo passo in questo senso.

Oggi abbiamo pulito noi ma …… “Pulisca chi di dovere, noi non siamo del mestiere!”

 

Il VIDEO

https://www.facebook.com/watch/abitarearoma/


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti