Parco di Centocelle, tra abbandono e rifiuti. SOS ratti

Alessandro Moriconi - 27 Settembre 2015

Erba alta, rifiuti non ritirati ed insediamenti abusivi a macchia di leopardo stanno riportando indietro le lancette della storia creando i presupposti per un ritorno al passato. Eppure quanto accaduto con i campi abusivi di Casilino 700 prima e 900 dopo, dovrebbero pur aver insegnato qualcosa e invece no.

Per gli sgomberi e le bonifiche dei luoghi (peraltro ancora da verificare come all’epoca degli sgomberi furono bonificati i terreni) tra cui anche e più volte, quelli all’interno del canalone, sono stati spesi centinaia di migliaia di euro e adesso mentre stanno partendo i lavori del 2° lotto di parco, iniziano ad emergere segnali di quel degrado che si pensava fosse stato lasciato alle spalle e invece no.

erbaaltaparcocentocelleL’erba spesso non viene tagliata per mesi e quando lo si fa è sempre in modo approssimativo. Dagli insediamenti abusivi vengono prodotti rifiuti in quantità industriale e sempre piu spesso qualche criminale dell’ambiente scarica sul terreno scarti di lavorazioni edili e a questo va aggiunto il fatto che i rifiuti lasciati negli appositi contenitori non vengono ritirati con regolarità e questo “dopo la scelleratezza che portò all’organizzazione del Vintage 2014 che inquinò profondamente il territorio con rifiuti di ogni genere e con un lascito testimoniale rappresentato dalla ormai famosa cisterna contenente liquami provenienti dagli stand adibiti alla ristorazione ” … Il che sta attirando colonie di grossi ratti le cui presenze ci vengono segnalate dai tanti frequentatori dell’area.

rattiparcocentocelle“Ne ho avvistati a decine – ci dice la signora R. Ricci che frequenta quasi quotidianamente il parco con il suo cane – e quasi sempre questi schizzano via da intorno i cestini dei rifiuti che non vengono svuotati anche per settimane intere e che per loro rappresentano veri e propri punti di ristorazione … comincio ad avere paura sia per me che per il mio cane, tanto sono grandi e il Servizio Giardini non può non intervenire in quanto si sa che i ratti si riproducono a ritmi vertiginosi e se non si interviene subito con una derattizzazione, la questione rischia di diventare davvero seria”.

 

ratto parco centocelleOvviamente non non possiamo far altro che darne notizia e documentare con foto.

Spetta ora al Municipio Roma V procedere di concerto con il Servizio Giardini e Ama ad interventi rapidi e mirati contro queste presenze niente affatto gradite.

La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti