Presentato da Ama un progetto di monitoraggio dei servizi: obiettivo una città pulita

Intervenuti il presidente Fortini, l'A.d. Camilli, il sindaco Marino e l'asserrore all'Ambiente Estella Marino
Alessandro Moriconi - 17 Luglio 2015

Una conferenza stampa, quella di mercoledì 15 luglio 2015 che non ha lasciato spazio ad interpretazioni. La Giunta Marino e il management dell’Ama Spa sono proiettati al completamento di un progetto per il monitoraggio in tempo reale di mezzi tecnologi e servizi. Obiettivo una città finalmente decorosa e pulita.

La presentazione alla stampa è stata fatta nella sede dell’Azienda in via Calderon della Barca dal Presidente Ing. Daniele Fortini e dall’AD Ing. Alessandro Camilli.

Quella della realizzazione di un progetto condiviso con AlmaViva è uno sforzo e una scommessa che non ha precedenti nell’Azienda, ha sottolineato Fortini. Si tratta di un Sistema di Tracciamento dei Veicoli basato su una tecnologia avanzatissima che viaggerà su canali wi-fi e gprs e che consentirà in tempo reale di monitorare praticamente tutto, dai consumi degli automezzi al loro stato di efficienza, attraverso la diagnostica a distanza con relativi allarmi in caso di malfunzionamento delle attrezzature. “Non è assolutamente un controllo sul personale – ha sottolineato Fortini – ma siamo convinti che ad una ottimizzazione di ogni prestazione ne conseguirà una città più pulita e con indubbi vantaggi economici per l’Azienda e di conseguenza per il Comune e per i contribuenti.”

AmaPresentazioneProgettoSono già 1.200 i mezzi che da alcuni mesi sono collegati in via sperimentale con la centrale operativa e contiamo, ha detto l’Ing. Filippi, di completare il tutto per la fine del mese di settembre.

Su di uno schermo Filippo fa vedere una serie di slide che mostrano i mezzi: dai compattatori, alle spazzatrici e ai mezzi a vasca, che saranno dotati di questa sorta di scatola nera. Si monitoreranno i chilometri percorsi e le ore effettive di lavoro insieme ai flussi di traffico.

L’assessora Estella Marino ha sottolineato lo sforzo dell’amministrazione per il completamento della raccolta differenziata in tutti i municipi romani che ha già raggiunto comunque percentuali importanti che sfiora ormai il 60%. Ha parlato di un coinvolgimento dei Municipi e dei Comitati e Associazioni attivi sui territori.

AssessoreEMarino-SindacoIl sindaco Marino ha aperto il suo intervento citando “Che Guevara” quando in una lettera scritta ai figli sottolineava che la più grande dote di un rivoluzionario è studiare. Marino ricorda che anche sotto la consigliatura Alemanno si era ravvisata la necessità di monitorare i servizi resi dall’azienda, ma poi, come è accaduto per altre cose, tutto è finito a dormire in un cassetto. Noi lo abbiamo ripreso e insieme al management aziendale e ad AlmaViva lo abbiamo modellato secondo le nostre esigenze. Economicità e Qualità dei servizi per avere finalmente una Roma pulita.

Una rivoluzione che dovrà necessariamente dare i suoi frutti e, dice il Sindaco, ce li dovrà dare in tempi relativamente brevi in quanto già alla fine del mese di settembre pensiamo che il progetto possa andare a regime. Sono certo ha detto “che i lavoratori di Ama sono in grado di tenere pulita la città ma, qualora così non fosse, penseremo anche a percorrere altre strade che ad esempio hanno portato in una città come Londra ad avere soggetti privati addetti sia alla raccolta dei rifiuti che allo spazza-mento delle strade.

AmaPresentProgettoTra le domande della stampa oltre che a quella dei 48 milioni di euro spesi per il leasing di migliaia di cassonetti
molte dei quali rotti da anni e di conseguenza antigenici. Un’altra domanda ha riguardato quello che ormai per Roma è un’autentica e costosa piaga: il rilascio accanto ai cassonetti di materassi, elettrodomestici e parti di mobilio.

Durissimo su questo punto il Sindaco Marino che non ha esitato a definire “cretini e maleducati” quanti non hanno il benché minimo senso civico. Nel contempo ha invitato i cittadini che si accorgono di simili pratiche, al fine di combattere insieme questa battaglia, a non esitare a chiamare la Polizia.

Marino si è anche soffermato sul fatto  il Presidente Fortini varcherà nuovamente i cancelli di Piazzale Clodio al fine di una verifica sulla classificazione dei rifiuti usciti dai TMB di Ama a cavallo del periodo che va dal 2011 al 2012.

Insomma, come diceva il grande Eduardo De Filippo “gli esami non finiscono mai” però, stampa e media contrari a prescindere, la giunta Marino in quanto a compiti non è seconda a nessuno!


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti