Roma agli ultimi posti in Europa nel grado di soddisfazione dei mezzi pubblici

E’ quanto si ricava dai dati di Eurobarometro, la statistica effettuata nei paesi U.E.
di Alvaro Colombi - 10 Dicembre 2007

I dati della “customer satisfaction” sulla Carta dei servizi Atac (edizione 2007) ci dicono che nel 2006 l’indice di soddisfazione del cittadino-utente è stato, per le linee di superficie, del 64% e per la metro del 71%. Nel nostro articolo “Atac, arrivano le nuove tessere magnetiche(del 4.6.2007) ritenevamo tali dati (pur non dubitando della serietà dell’indagine dell’Atac) in serio contrasto con la qualità del servizio percepita dai cittadini. Di ciò erano prova anche i giudizi non proprio lusinghieri che ogni giorno raccoglievamo (e tuttora raccogliamo) davanti alle fermate o dentro gli autobus, legati per lo più (e non solo) ai tempi d’attesa.

Oggi, i risultati diffusi dall’Eurobarometro, la statistica effettuata nei paesi U.E., danno ragione al nostro scetticismo.

Tale indagine comparata, infatti, collocando Roma, per grado di soddisfazione dei mezzi pubblici urbani, negli ultimi posti tra le città europee, sconfessa parecchi dei dati contenuti nella Carta dei servizi dell’azienda di trasporto capitolina.

Su una base di 100, a fronte degli 81 punti di Helsinki, il punteggio assegnato alla capitale raggiunge appena quota 40, preceduta almeno da un’altra dozzina di città.

Che fare? Oltretutto è un vero colpo all’immagine di una città della quale, in questi ultimi anni, i suoi amministratori non hanno parlato che di primati.

Ma se lasciamo la capitale ed estendiamo l’indagine all’intera penisola i risultati non migliorano. Da Eurobarometro emerge che i trasporti pubblici funzionano poco in quasi tutte le grandi città italiane, senza contare l’assoluta insufficienza delle piste ciclabili. Le conseguenze sono inevitabili: la macchina diventa il nostro mezzo di trasporto privilegiato, con gravi ricadute su traffico e inquinamento. In Italia, ogni mille abitanti, ci sono 670 automobili. Una cifra inferiore si registra solo negli Usa. Il voto che Eurobarometro, su una base di 100, assegna ai mezzi pubblici del nostro paese in termini di accessibilità e numero è pari 69. Ciò vale solo l’8° posto, in una classifica che vede ai primi posti Grecia (95), Spagna (89) e Portogallo (85). Neanche sul fronte prezzi le cose vanno meglio perché i trasporti, globalmente, costano meno che da noi in Germania, Olanda, Portogallo, Francia e Spagna. Basta così.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti