Sale e luce

GiProietti - 1 Febbraio 2021
Oggi ho lasciato Tommaso Campanella per passare un po’ di ore con un altro Tommaso, D’Aquino.
Era molto simpatico, era europeo, contattava tutti ed era aperto ai musulmani e ai teologi di altre religioni. Averroè ed Avicenna erano due autori da lui conosciuti molto bene.
“Qualunque verità, affermata da qualsiasi persona, viene dallo Spirito Santo”. Capito integralisti di ogni religione, cosa affermava il massimo dottore della Chiesa?
E ancora: “Dicitur amor extasim facere”…Amare è ‘fare’ ed uscire da se stessi. Lo abbiamo chiaro in testa 703 anni dopo la sua morte?
Inoltre: Sapienza viene da sapore, non viceversa: avere sapienza ed essere sapienti vuol dire dare sapore a tutti i valori!
Finisco con il fatto che siamo creati per provare “desiderio”! Incredibile, eh?
E sì, perché siamo stati fatti per aspirare al cielo, per andare in alto, per provare de sideris,  anelare alle stelle, questo e’ il vero desiderio.
Sale e sapienza, luce e desiderio dell’alto.
Poi, alla fine, al suo accompagnatore – dopo una visione finale nella vita, aveva scritto tutto e di tutto, insegnato a tutti – disse “Palea est..” (Tutto ciò che ho scritto mi sembra paglia in confronto con quanto ho visto) e non scrisse più niente, fino alla morte a Fossanova.
Un amico ritrovato.
Buon febbraio.

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti