Salviamo il Pratone di Torre Spaccata

Sabato 30 aprile protesta colorata a ridosso dell’area e nel pomeriggio a Centocelle un incontro a Centoincroci
A. C. - 1 Maggio 2022

Si è svolta sabato 30 aprile 2022 una mobilitazione per contrastare la cementificazione del Pratone di Torrespaccata.

Al mattino con una protesta colorata a ridosso dell’area archeologica e naturalistica, e nel pomeriggio a Centocelle con un incontro a Centoincroci.

Il Pratone di Torrespaccata è una boccata di ossigeno nel cuore della Capitale, in un contesto urbanisticamente saturo, caratterizzato da un elevato consumo di suolo e un’alta densità abitativa.

E’ un habitat naturale di varie specie vegetali e animali. Vi sono insediamenti dall’età del bronzo al medioevo e quattro ville romane interrate.

Adesso però si prevede una colata di cemento di migliaia di metri cubi, devastando irreparabilmente l’area, per la realizzazione di nuovi Studios di Cinecittà, che invece potrebbero trovare spazio in altre strutture dismesse.

Il Pratone di Torrespaccata è un patrimonio culturale ed ambientale da preservare, nonché una risorsa economica e sociale.

Molte associazioni e migliaia di cittadini sostengono questa battaglia per salvaguardare il Parco delle Ville Romane a Torre Spaccata.
È spaventoso dover contrastare chi si ancora a regole scritte con l’inganno per giustificare la distruzione di un habitat unico e prezioso e mettere avanti il Cinema italiano per una operazione che è solo speculazione edilizia.

Esistono valide alternative per rivitalizzare gli Studios e anche più vicine e meno distruttive. Non volerle neanche considerare fa pensare ai soliti interessi privati più o meno occulti che hanno determinato la distruzione del tessuto storico e sociale della periferia romana.

Mascherare questa operazione sfacciata con una foglia di fico culturale non dovrebbe far parte né della cultura del buon governo né della cura dei beni comuni, come archeologia e ambiente, che sono le premesse per ottenere i fondi europei del PNRR.

Macelleria Colasanti

Commenti

  Commenti: 1


  1. Nessuna cementificazione. Riqu2un luogo che è inaccessibile da 50 anni. Regna degrado ed incuria a vantaggio di nessuno.

Commenti