Serata Omicidio, al Teatro Petrolini

In scena dal 13 al 16 dicembre un giallo di Giuseppe Sorgi, portato in scena da Felice Sandro Leo e la sua compagnia La Tana dell’Arte
Riccardo Faiella - 11 Dicembre 2018

La compagnia La Tana dell’Arte, fondata nel 2002 da Carmelo Caprera e Felice Sandro Leo, e da quest’ultimo diretta, porta in scena, dal 13 al 16 dicembre, al Teatro Petrolini, la commedia Serata omicidio, per la regia dello stesso Leo.

La pièce, un giallo a tutti gli effetti, è stata scritta da Giuseppe Sorgi, un autore teatrale, ma anche televisivo. Suoi diversi programmi di Rai e Mediaset.

Su un sito web compare una misteriosa inserzione: giorno, ora e luogo in cui avverrà un delitto. E se quell’indirizzo fosse quello di casa vostra? Potrebbe trattarsi di uno scherzo. Oppure no? Perché l’omicida ha annunciato il delitto e qual è il movente? Se arrivano però, ospiti inattesi, la situazione si trasforma in un gioco mortalmente comico.

Il Teatro Petrolini, fondato dal grande Fiorenzo Fiorentini e da Paolo Gatti nel 1994, è situato nel cuore pulsante della Roma storica, a Testaccio. Ci sono tre sale: la sala Petrolini, con circa 90 posti, e le sale Fabrizi e Anna Magnani. Quest’ultima funge da sala prove. Tre grandi artisti romani per respirare l’aria della vera comicità romana: arguta e ficcante, ma leggera; mai volgare e sempre volta a mettere a nudo il Re.

TEATRO PETROLINI, via Rubattino 5, 13-16 dicembre, La Tana dell’Arte, presenta: SERATA OMICIDIO, di Giuseppe Sorgi

con: Felice Sandro Leo, Ornella Principato, Daniela Bianchi, Roberto Pesaresi, Alessia Piconi, Loredana Francolino
regia: Felice Sandro Leo
voce fuori campo: Giulio Bianchini
scenografia: Michele Funghi

fonica e luci: Mauro Buoninfante
trucco e acconciature: Laura Moglioni
assistente: Fabio Lebone

grafica: Francesca Leo
foto di scena: Valerio Leo

Spettacoli: giovedì-sabato ore 21; domenica ore 18
Biglietti: 12-15 euro + 2 euro tessera teatro
INFO: 06.5757488 – teatropetrolini@tiscali.it – www.teatropetrolini.com


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti