Shopping Bag = Arte 2008. A Colli Aniene

Il 13 e 14 dicembre le mostra collettiva con 80 opere realizzate su buste della spesa di diversi marchi
Enzo Luciani - 12 Dicembre 2008

Dal sito www.arte.go.it

Il progetto "Shopping Bag = Arte" nasce dalla fantasia di Enrico Todi, curatore dell’Associazione Culturale Diletta Vittoria, e dalla attiva collaborazione dell’Ama che ha partecipato in partnariato alle edizioni svoltesi negli anni passati nella galleria di via Margutta.

Quest’anno la manifestazione è stata "esportata", grazie all’Ass. Cult. Soqquadro ed alle curatrici Giuseppina Maletta e Marina Zatta, anche nel territorio del V Municipio, nel quartiere Colli Aniene, luogo in cui l’Ama ha avviato da tempo con successo la raccolta differenziata porta a porta.

Farmacia Federico consegna medicine

L’idea è di far riciclare ad alcuni pittori, sia professionisti che studenti delle scuole del territorio, alcune Shopping Bag usate utilizzandole come inusuale tavolozza.
Sono così nate 80 opere realizzate su buste di diversi marchi ed utilizzando svariati generi artistici con molteplici tecniche pittoriche e scultoree.

Le Shopping Bag sono state "Riciclate ad Arte" dagli studenti dell’Istituto d’Arte Sacra Roma 2, della Scuola Media Luigi Di Liegro e dagli artisti di Soqquadro: Maria Grazia Barbanera, Serena Bigliani, Ivan Jakhnagiev, Giusi Maletta, Flavia Manfroncelli, Franco Marchiolli, Patrizia Quaranta, Anna Salvati, Manuela Scannavini, Angela Scappaticci, Dani Sol, Gloria Tranchida e Lavinia Tucciarelli. In particolare vogliamo segnalare la partecipazione del laboratorio d’arte dell’istituto penitenziario di Rebibbia Femminile curato dai Docenti dell’Istituto d’Arte Sacra Roma 2.

Shopping Bag = Arte 2008
Curatore: Marina Zatta e Giuseppina Maletta
Inaugurazione: 13 dicembre 2008 ore 11.00
Inizio: 13/12/2008 Fine: 14/12/2008
Sede: Dolce e Salato in via Bardanzellu 136 A/B
Orari: sabato e domenica 11.00/13.00 e 16.30/18.30
Telefono: 064504846 3337330045
EMail: soqquadro@interfree.it  Web: www.soqquadro.eu  


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti