Categorie: Ambiente Degrado
Municipi: | Quartiere: ,

Tevere – Spiaggia Tiberis: Benvenuti (Ecoitaliasolidale), Gualtieri come la Raggi?

"Argini del Fiume continuano ad essere abbandonati fra rifiuti e baraccopoli e non vorremmo assistere ad  un ennesimo flop del 'lido Tiberis'"

“Verrebbe proprio da dire Gualtieri come la Raggi, per quanto riguarda l’ormai 5ª edizione della tanto contestata spiaggia Tiberis presso Ponte Marconi.

Quest’anno la struttura resterà aperta tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, festivi compresi, dalle 8 del mattino sino a mezzanotte e sino all’una nel fine settimana. Mentre durante il giorno gli utenti potranno accedere gratuitamente alla spiaggia, la sera invece il “lido” ospiterà  eventi culturali, a prezzi “sociali”. Inaugurazione prevista il 15 giugno e rimarrà aperta sino al 15 settembre.

Pertanto, come per le quattro edizioni precedenti,  quando si ipotizzava la possibilità di poter usufruire del “lido” anche nei mesi invernali con attività didattiche di educazione ambientale o la realizzazione di una piscina all’aperto, le intenzioni  rimarranno  sulla carta anche con  l’era Gualtieri.

Se  a qualche centinaio di metri, verso Lungotevere di Pietra Papa,  finalmente non vi è più la baraccopoli fatto sgomberare grazie alle interrogazioni del Sen. Maurizio Gasparri ed alle proteste dell’Associazione Ecoitaliasolidale e dei cittadini, ed oggi sono in corso finalmente i lavori della Regione per dotare il quartiere di un parco fluviale, nulla cambia sulle sponde del fiume fra l’invasione fuori controllo di baraccopoli e rifugi di fortuna. Non solo, vi sono cumuli di rifiuti gettati direttamente sugli argini sino alle acque del Tevere, un degrado ed un inquinamento inaccettabile.

Noi di Ecoitaliasolidale – dichiara il presidente Piergiorgio Benvenuti–  ribadendo come  il  Tiberis, prosegue ad essere percepito come una   “sperimentazione” , inutile e costosa, poco frequentata, proponiamo di dare priorità e velocizzare i  lavori del parco sul Tevere e di riqualificare per intero gli argini urbani del fiume.

La nostra proposta  è  di realizzare un unico Ente gestore del Tevere che si occupi di un progetto complessivo e non certo di una piccola e poco funzionale spiaggia. Un progetto che possa prevedere la  riqualificazione del tratto fluviale, la depurazione delle acque, la piena navigabilità del fiume, sia per la mobilità alternativa e  per lo sviluppo turistico della città, la valorizzazione degli argini, la valorizzazione degli impianti di Ex archeologia industriale abbandonati, compresa l’ex Mira Lanza che anche recentemente è andata a fuoco,  le competenze sulla pista ciclabile, del poco che rimane dell’esistente ippovia e la gestione dei parchi fluviali.

Ormai è confermato che l’esperimento estivo del “Lido” a Ponte Marconi riprenderà nella quinta   edizione -conclude Benvenuti-  ed il timore, anche con il nuovo Sindaco, che si possa ripetere il flop delle precedenti edizioni , mentre purtroppo è una certezza il completo abbandono degli argini del Tevere”.

Catering a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati