Municipi: , | Quartiere:

Tra viaggi e sogni “Graphé e Eidos d’Artista” al Centro di Grafica d’Arte di Formello

L'inaugurazione il 22 giugno 2024, ore 17,00, in via Regina Elena 3

La mostra “Graphé e Eidos d’Artista” tra viaggi e sogni, sarà inaugurata il 22 giugno 2024 – ore 17,00 – proseguendo dal 23 al 29 giugno orario 16,00 – 18,30 presso il Centro di Grafica d’Arte di Formello, via Regina Elena, 3 – Formello (RM). 

Contatti e Informazioni: Vinicio Prizia +39 339 4975706 vinicioprizia@gmail.com

Il Centro di Grafica d’Arte del Comune di Formello diretto dal 2003, anno della sua fondazione, da Vinicio Prizia e da allora speciale luogo di incontro e di scambio culturale per gli artisti e per discipline diverse, svolge attività di valorizzazione delle arti grafiche, del disegno e della stampa d’arte con particolare attenzione all’incisione originale ed alle metodiche grafiche più antiche, quali l’acquarello, il bistro e altre pratiche pittoriche. Attiva inoltre seminari, convegni, corsi, mostre a scopo formativo e promozionale. 

Ha collaborato a premi internazionali e curato la produzione di opere d’arte. Per esporre le opere, oltre agli spazi della sede, utilizza alcuni prestigioso locali del Comune di Formello.

E’ in contatto e collabora con artisti contemporanei di maggior rilievo, Musei, Accademie, Centri Culturali, Enti Pubblici e Privati sia italiani che stranieri. per mezzo di esso sono state attivate importanti iniziative di carattere nazionale ed internazionale attraverso molteplici mostre, simposi, corsi, premi e pubblicazioni.

Dal 2023 si pregia di un ulteriore progetto: la rassegna “Incisione e …” 2024 alla quale appartiene questa mostra. Il Progetto consiste nel proporre varie mostre a cadenza settimanale o quindicinale composte da quattro artisti alla volta che prospettano i molti aspetti dell’arte e della grafica contemporanea nazionale ed internazionale.

Tale ciclo, iniziato a novembre 2023, si svolge per tutto il 2024; le esposizioni si tengono presso la sede del Centro per l’Incisione e la Grafica d’Arte di Formello, in via Regina Elena 3. 

PROGRAMMA

In apertura introduzione di Vinicio Prizia e presentazione di Marilena Sutera del seminario che avrà inizio alle 16,30 e verterà su una dimostrazione teorico-pratica di stampa serigrafica realizzata da giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Roma del corso di Serigrafia della Prof.ssa Marilena Sutera.

ESPONGONO – Marina Caputo Ambra Ferrari Maicol Marini Antonella Mosca Alessia Natale Marta Paladini Francesca Placentino Pamela Treppiccioni.

CURATRICI – Floriana Celani Maria Pennacchia Marilena Sutera

ANTONELLA MOSCA

TESTO CRITICO di Sebastiano Giordano del quale mettiamo in evidenza il seguente passaggio – 

“VIGOROSE EVIDENZE GRAFICHE TRA IMPRESCINDIBILI CONSAPEVOLEZZE ONIRICHE”

Chi non vorrebbe immergersi in una Fontana della Giovinezza e riemergere spoglio di preoccupazioni, di acciacchi, di avvilimenti, insomma di quei fardelli quotidiani che amareggiano le nostre vite? Ecco, allora, che si presenta l’occasione utile per ottenere proprio quelle stesse utili finalità! Si aprirà, infatti, alle ore 17.00 di Sabato 22 Giugno 2024 una mostra virtuosa d’Arte giovanile nel Centro per l’Incisione e la Grafica del Comune di Formello, in Via Regina Elena, 3.

L’esposizione, intitolata “Graphé e Eidos d’artista: tra viaggi e sogni” permetterà al pubblico d’immergersi in una rinfrescante galleria d’immagini grafiche inedite appositamente create da otto artisti, allievi di Marilena Sutera, Maria Pennacchia e Floriana Celani docenti presso l’Accademia di Belle Arti di Via Ripetta a Roma. 

Tutte le opere in mostra traducono i sapori perduti in colori rigeneranti dell’anima umana dove gli oltremare, gli azzurri, i gialli, i rossi, i marroni, i neri parlano sfumando o erodendo o integrando i segni profondi dei protagonisti che così rimodulano la loro spensieratezza, la loro felicità, la loro stessa leggerezza dell’essere umano impegnato ad attraversare dis-misure, ondulazioni o ondeggiamenti pari a quelli tradotti in note musicali di spartiti di compositori contemporanei abili nei crescendi e decrescendi dei pentagrammi.

C’è un’accensione inebriante e fabbrile nella loro attenzione alle varie e raffinate tecniche grafico-incisorie, tanto che Arte, Artisticità e Artificiosità s’incarnano qui senza soluzione di continuità, senza attriti o frizioni o stridii. Tutta la mostra, all’interno del Centro abilmente diretto da Vinicio Prizia, è un tripudio di sfide intellettuali con sfavillii di esiti artistici, mentre le traduzioni incisorie lasciano sopravvivere l’animus d’ogni singolo artista, in un continuum allusivo così magico da risultare più storicizzabile del vero.

Il sillabario d’Arte è qui coniugato all’insegna d’una varietas, vera testimonianza di curiositas non ancora appagata di forme simboliche, e la voracità coloristica si rivela inesauribile, non nascondendo la necessità di lambire un approccio intimistico indispensabile nel solcare spazi incontaminati di nostalgia e di esperienza onirica aggiogati alla Bellezza.

 

Ogni artista lusinga lo spettatore che non sappia districarsi tra le Avanguardie d’arte contemporanea, e non teme le agitazioni viscerali dentro di sé pur nell’ardore di cuore bruciante di desiderio, di verità e di pace stellata.

Tutte le opere in mostra sono inondate di dolce ebbrezza effusa in fresca e vibrante atmosfera mai zittita da spossatezze o snervature, ma selezionando e ristrutturando con acume quelle stonate contrapposizioni che arrugginiscono il quotidiano riducendolo a silenzio individuale, in un’esplosione pur inaspettata di nuove stagioni di luci giovanili e benevole.

I singoli primaverili artisti introiettano eleganze spirituali, prive d’impegni controvoglia, prive di noie, vivissimi in un unificato sogno d’infanzia senza rimorsi ma ricchissimo di meraviglie.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento