Tredicesimo corteo contro l’inceneritore dei Castelli Romani

Organizzato dal Coordinamento No Inc.ad Albano Laziale sabato 26 ottobre 2013
di Maria Lanciotti - 28 Ottobre 2013

Tredicesimo corteo contro l’inceneritore dei Castelli Romani organizzato dal Coordinamento No Inc. Raduno a piazza Mazzini ad Albano Laziale sabato 26 ottobre 2013 alle ore 15,30 e pronti per la partenza un’ora dopo.

Il sindaco di Ariccia Emilio Cianfanelli girava per la piazza in bicicletta in tenuta informale, senza fascia tricolore – “perché me ne sono dimenticato” – ma non per questo meno autorevole. A rappresentare i comuni di Castel Gandolfo, Lanuvio, Genzano e Ardea c’erano i sindaci Silvia Monachesi, Luigi Galieti, Flavio Gabbarini e il vice sindaco e assessore all’Ambiente Alessandra Cantore. E c’era il padron di casa, il sindaco di Albano Laziale Nicola Marini, e Luca Andreassi consigliere con delega ai rifiuti. Il Comune di Marino era rappresentato dall’assessore Remo Pisani.
Nessuna rappresentanza per gli altri tre Comuni di bacino, Rocca di Papa, Pomezia e Nemi.
Venerdì 25 a Palazzo Savelli la conferenza dei sindaci ha prodotto evidentemente buoni risultati ed è auspicabile che le cose si muovano ormai diversamente, come la situazione emergenziale richiede. Si richiede infatti come priorità, da parte dei manifestanti, il monitoraggio e controllo sull’effettivo funzionamento dell’impianto di TMB della discarica di Roncigliano – che riceve ormai dall’inizio dell’anno i rifiuti indifferenziati di Roma, Fiumicino, Ciampino e Città del Vaticano, oltre naturalmente a quelli dei Castelli Romani – e una severissima verifica sullo stato del settimo invaso e sugli enormi terrapieni che vi stanno sorgendo accanto. Reputando inaccettabile la risposta dell’Arpa Lazio, che dopo il sopralluogo del 18 ottobre, preteso dall’Asl RMH e dal comune di Albano in seguito alla serie di malori provocati dall’odore nauseante che tanta gente ha fatto correre al Pronto Soccorso, dichiara di non avere rilevato “particolare criticità riguardo l’aspetto odorigeno”. Mentre nulla si sa di preciso sul traffico, quantità e trattamento e destinazione finale dei rifiuti romani, che stanno rapidamente saturando il settimo invaso.

Corteo Falcognana

Il corteo si muove compatto e vivace lungo il percorso ormai noto, mentre l’informazione vola attraverso gli ininterrotti interventi. Una mobilitazione che supera le migliori previsioni, nonostante si sia tentato di tutto per boicottarla. Tante le sigle, tanti i Movimenti a sostegno dell’iniziativa. E una straordinaria rappresentanza delle scuole, con i bambini di un istituto di Cancelliera, dalla materna fino alla quinta elementare, a scandire a tempo insieme ai loro insegnanti: “No discarica, no discarica”.

E c’era la gente di Roma inferocita contro il sindaco Marino e a difesa di tutti i siti minacciati dalle discariche, e la gente di Falcognana e del Divino Amore, e gli abitanti del Villaggio Ardeatino che stanno pagando con la salute il loro diritto alla casa.

Un corteo ordinato ed esuberante, con i giovani del Movimento occupazioni precari e studenti – cui tanti ragazzi si sono uniti per simpatia e comune disagio sociale – che ad un certo punto del percorso hanno attaccato al muro, nella nebbia dei fumogeni colorati, un manifesto per dire “Stop al biocidio”. Gli stessi giovani che a piazza Mazzini avevano srotolato a terra uno striscione contro la vicenda Priebke, suscitando qualche polemica con la Polizia, presto rientrata.

corteo falcognanaTanti gli slogan, anche improvvisati, sulle note di musiche popolari o tambureggianti secondo l’estro. “Non stiamo chiedendo la luna”. “Ai Castelli la monnezza con Cerroni è una certezza”. Sul ponte di Ariccia sta calando il sole, uno spettacolo che non si può raccontare. Dall’autocarro la voce del relatore di turno: “Questi sono i Castelli Romani. E laggiù c’è Roncigliano, dove potrebbe sorgere l’inceneritore. E impianti biogas e centrali a biomasse per digerire qualunque sorta di rifiuti. Anche a Velletri è prevista una bella centrale Forsu (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano, ndr). Tutte coltellate inflitte da lobby e personaggi senza scrupoli”.

Piazza di Corte, subito allestito un ‘angolo cottura’ per il piatto tipico della raccolta fondi: spaghetti aglio olio e peperoncino, prezzemolo e pomodorini pachino con una spolverata di pecorino romano. Il tutto per un paio di euro. “Abbiamo costituito con il No Inc i Comitati di lotta uniti contro ogni devastazione ambientale”, dice al microfono Alessandro Lepidini, presidente del Presidio No Discarica Divino Amore. “Una battaglia sacrosanta che si porterà avanti costi quel che costi. Non abbiamo dato tregua e non la daremo. Encomiabile il No Inc, siamo con loro. Noi continueremo a dire no. Il fetore irrespirabile di Roncigliano proviene dal tal quale di Roma. Non esiste la mondezza profumata. Dietro la mondezza c’è la torta, e attraverso le torte aumentano il consenso. Noi vogliamo la chiusura e la bonifica di Ecofer. Devono fare retromarcia, noi siamo intransigenti: Falcognana è un simbolo. La primavera di Roma continua, prossimo appuntamento a piazza Don Bosco a Cinecittà”.

corteodicarica“Quattrocento milioni di euro per i soliti monopolisti e non si passa alla Riduzione, Riuso e Riciclo per i rifiuti urbani”, attacca Daniele Castri referente del No Inc. “Pagare profumatamente un impianto che dovrebbe funzionare e che da mesi appesta. Il TMB: perché puzza? Perché gli uccelli marittimi si sono tutti trasferiti in discarica? L’Arpa ha fatto una dichiarazione vergognosa: si è fatta una passeggiata come i bambini al parco giochi e dice che non ha notato niente di strano. E intanto qui sale la pressione sanguigna anche ai bambini. Si ha a che fare con sistemi di bassa lega, ma c’è un nocciolo duro che non si è fatto né comprare né spaventare. Non solo vogliamo fermare l’inceneritore ma rivoluzionare il sistema per una gestione civile dei rifiuti. Vogliamo più trasparenza dal Comune di Albano”.

Palazzo Chigi ancora una volta testimone di una resistenza popolare che si fa sempre più folta e agguerrita, e che dovrebbe portare a riflettere quanti stanno letteralmente giocando con la dignità e la vita altrui.


Commenti

  Commenti: 1


  1. ***************************
    Grazie per la sua segnalazione, abbiamo corretto.

    ————-
    LA REDAZIONE

Commenti